“Una storia dilettevole della musica. Insulti, ingiurie, contumelie e altri divertimenti” è un libro che sfida e rinnova le convenzioni della tradizionale storiografia musicale, offrendo al lettore un viaggio irriverente e spassoso attraverso i secoli di storia musicale

“Una storia dilettevole della musica. Insulti, ingiurie, contumelie e altri divertimenti” è un libro che riesce a coniugare il rigore della ricerca storica con la leggerezza e l’umorismo di un racconto aneddotico. Gudo Zaccagnini offre una prospettiva fresca e coinvolgente sulla storia della musica, dimostrando come anche i momenti di scontro e le controversie possano arricchire la nostra comprensione dei grandi compositori e delle loro opere.

Il titolo stesso del libro suggerisce il tono scanzonato e provocatorio che pervade l’intera opera. Zaccagnini, critico musicale di lunga data e apprezzato per la sua penna affilata, adotta un approccio inusuale, concentrandosi non solo sui trionfi e le glorie dei grandi compositori, ma anche sui loro lati più umani e, talvolta, meschini. Le liti, le rivalità e le frecciatine tra i giganti della musica sono al centro della narrazione, offrendo una prospettiva unica e spesso trascurata dalla storiografia ufficiale.

Il libro è suddiviso in capitoli tematici, ciascuno dedicato a un particolare periodo storico o movimento musicale, dai fasti del Rinascimento fino alle avanguardie del XX secolo. Da Handel fino a Strawinsky, in ogni capitolo, Zaccagnini delinea non solo l’evoluzione stilistica e tecnica della musica, ma anche le controversie e i pettegolezzi che hanno animato le vite dei compositori.

Uno degli aspetti più apprezzabili del libro è la capacità dell’autore di intrecciare aneddoti personali e curiosità storiche con un’analisi critica acuta e ben documentata. Zaccagnini riesce a bilanciare il tono ironico con una solida competenza musicale, rendendo la lettura piacevole e istruttiva allo stesso tempo. Viene fuori un affresco vivace e colorato, dove i compositori appaiono in tutta la loro complessità, non solo come geni indiscussi, ma anche come uomini con tutte le loro fragilità e contraddizioni.

“Una storia dilettevole della musica” è un libro che si distingue per il suo approccio innovativo e la sua capacità di intrattenere e informare allo stesso tempo. Un racconto “dilettevole” che non si prende troppo sul serio, ma che al contempo offre una profonda comprensione della storia della musica. Zaccagnini non si limita a presentare i compositori come figure distanti e intoccabili, ma li umanizza, mettendo in luce le loro debolezze, le loro passioni e i loro difetti.


IN LIBRERIA

Titolo: Una storia dilettevole della musica. Insulti, ingiurie, contumelie e altri divertimenti
Autore: Gudo Zaccagnini
Editore: Marsilio


Articolo precedenteJoni Mitchell: la vita, l’arte e la musica
Articolo successivoStoria culturale della canzone italiana
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.