“Storia culturale della canzone italiana” offre una visione completa e critica della canzone, evidenziandone l’importanza come fenomeno culturale e specchio della società, riflesso dell’identità italiana nel corso dei decenni

Storia culturale della canzone italiana” di Jacopo Tomatis è un’opera ambiziosa e meticolosa che ridefinisce il concetto di canzone italiana attraverso un’analisi critica e sociologica. Tomatis, con un background formativo e professionale robusto, combina la sua esperienza come musicista e accademico per offrire una narrazione lucida e approfondita, scevra da qualsiasi forma di celebrazione acritica.

Il libro inizia con un’analisi delle origini della canzone italiana, esplorando le influenze delle romanze da salotto e delle canzoni napoletane del XIX secolo. Tomatis evidenzia come queste forme musicali abbiano gettato le basi per il repertorio nazionale del primo Novecento, epoca in cui dischi, radio e cinema hanno creato un “pubblico nazionale”. Il primo capitolo si focalizza su questa transizione per discutere l’invenzione della tradizione.

Un elemento centrale del libro è l’analisi del Festival di Sanremo, non solo come evento musicale ma come specchio dei cambiamenti sociopolitici italiani. Tomatis esamina come Sanremo abbia riflesso le trasformazioni culturali, dalla ribellione giovanile degli anni ’60 alla crisi degli anni ’80, fino alle dinamiche contemporanee.

Un altro aspetto fondamentale del libro è la discussione sul “panico morale” associato ai nuovi generi musicali, come il rock’n’roll degli anni ’50 e il punk degli anni ’70. Tomatis esplora come questi generi siano stati percepiti come minacce sociali e come abbiano influenzato la cultura giovanile e la società italiana.

Tomatis dedica un’attenzione particolare ai cantautori italiani, come Fabrizio De André, Lucio Dalla e Franco Battiato, analizzando come abbiano coniugato testi poetici e impegno politico con innovazioni musicali. L’autore sottolinea come questi artisti abbiano trasformato la canzone italiana in una forma d’arte complessa e raffinata, capace di affrontare temi profondi e universali.

La “Storia culturale della canzone italiana” è arricchita da un’ampia bibliografia e da un’analisi critica che la rendono una lettura indispensabile per gli appassionati di musica e per chiunque sia interessato a comprendere meglio come la canzone italiana si sia evoluta e adattata nel corso del tempo. Tomatis non solo celebra la sua ricchezza, ma invita anche a una riflessione più ampia sul ruolo della canzone come espressione culturale e come specchio dei cambiamenti della società.


IN LIBRERIA

Titolo: Storia culturale della canzone italiana
Autore: Jacopo Tomatis
Editore: Il Saggiatore


Articolo precedenteUna storia dilettevole della musica classica
Articolo successivoIl quintetto perduto di Miles Davis
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.