“Ritratti in jazz” è un libro delicato e profondo che invita alla riflessione e stimola i sensi celebrando la bellezza e la complessità del jazz attraverso la prosa poetica di Murakami e le illustrazioni evocative di Wada

“Ritratti in jazz” è un’opera singolare che unisce la penna di Haruki Murakami con il pennello di Makoto Wada, dando vita a un libro che celebra questa musica in una forma unica e affascinante. Murakami, oltre ad essere uno degli scrittori contemporanei più celebrati, nutre una profonda passione per questo genere musicale, che permea le sue opere e la sua vita come linguaggio universale che esprime le sfumature più intime dell’esistenza umana.

Fin da giovane, Murakami si è immerso nel mondo del jazz, gestendo anche un jazz bar a Tokyo chiamato “Peter Cat” negli anni ’70. Questa musica, con la sua improvvisazione e la sua complessità emotiva, trova eco nei suoi romanzi, dove i personaggi spesso riflettono sul significato della vita accompagnati da melodie suonate da jazzisti famosi. In “Ritratti in jazz” Pubblicato da Einaudi nel 2013, ogni capitolo del libro è dedicato a un musicista diverso, da Duke Ellington a Charlie Parker, da Miles Davis a John Coltrane.

Murakami riesce a catturare l’essenza di ciascuno di loro, descrivendo non solo le loro carriere e i loro stili musicali, ma anche l’atmosfera dei locali dove suonavano e l’energia delle loro esibizioni. Le parole di Murakami sono impregnate di una profonda ammirazione e rispetto per questi artisti di cui è profondo conoscitore e collezionista di dischi in vinile. Il suo stile narrativo riesce a trasmettere la magia della musica in modo caldo e appassionante.

A complemento delle sue parole di Murakami ci sono le illustrazioni di Makoto Wada. I suoi disegni, ricchi di colori e dettagli, aggiungono una dimensione visiva al libro che lo rende ancora più coinvolgente. Wada cattura con maestria l’essenza dei musicisti, creando ritratti che sono allo stesso tempo realistici e stilizzati, riuscendo a esprimere non solo l’aspetto fisico, ma anche l’anima e lo spirito dei soggetti.

Il libro non è solo una celebrazione dei jazzisti più famosi, ma anche una riflessione sul potere della musica e sull’influenza che essa può avere sulle nostre vite. Murakami, noto per il suo stile narrativo coinvolgente e spesso onirico, condivide aneddoti personali e riflessioni che rendono il libro molto intimo e personale. Il suo amore per la musica è palpabile e in ogni pagina riesce a coinvolgere anche i lettori che magari non sono appassionati del genere.


IN LIBRERIA

Titolo: Ritratti in jazz
Autore: Murakami Haruki, Wada Makoto
Editore: Einaudi


Articolo precedenteDue parole sulla musica: lessico musicale
Articolo successivoLa sorella di Mozart, una vita romanzata
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.