“La sorella di Mozart” di Rita Charbonier è un romanzo avvincente e umano che rende omaggio a una figura storica ingiustamente dimenticata. Un libro consigliato non solo agli appassionati di musica classica, ma a chiunque ami le storie di donne forti e determinate

Rita Charbonier, nel suo romanzo “La sorella di Mozart,” ci offre una visione appassionante e intimamente dettagliata della vita di Maria Anna Mozart, affettuosamente chiamata Nannerl, sorella maggiore del celeberrimo Wolfgang Amadeus. L’opera, edita da Marcos y Marcos, si distingue per la sua capacità di dar voce a una figura storica spesso trascurata, illuminando il talento e le lotte di una donna il cui destino è stato offuscato dalla celebrità del fratello.

Il romanzo si apre con un’introduzione alla giovinezza di Nannerl, dipingendo un quadro vivido dell’ambiente musicale straordinario in cui cresce. Sin dalle prime pagine, emerge chiaramente che Nannerl non è solo una comparsa nella vita di Mozart, ma una musicista talentuosa a pieno titolo. La sua abilità nel suonare il clavicembalo e la sua sensibilità artistica sono impressionanti, così come i suoi sogni e le sue frustrazioni dovute alle disparità di genere dell’epoca.

Uno degli elementi più coinvolgenti del libro è il rapporto complesso tra Nannerl e Wolfgang. Attraverso flashback e memorie, Charbonier costruisce un dialogo continuo tra passato e presente, dando forma a un mosaico di ricordi che svelano la complicità, ma anche la competizione e le gelosie inevitabili tra due talenti straordinari. Questa dinamica aggiunge profondità alla narrazione, rendendo il romanzo non solo una biografia romanzata, ma anche una riflessione sull’identità e il ruolo della donna nella società del XVIII secolo.

Charbonier è abile nel creare un’atmosfera storica autentica. La sua descrizione della vita quotidiana, delle usanze e della cultura musicale del tempo è ben documentata nella Vienna del Settecento, con le sue corti reali, i teatri e le accademie musicali che fanno da sfondo alla storia di Nannerl. L’autrice non si limita a un ritratto statico della società, ma intreccia abilmente le vicende personali dei protagonisti con i grandi eventi storici, creando una narrazione dinamica e avvincente.

Charbonier dipinge la sorella di Mozart come una figura complessa e multifaccettata, capace di suscitare empatia e ammirazione. La sua lotta per affermarsi in un mondo dominato dagli uomini è toccante e attuale, e il suo coraggio nel perseguire la propria passione musicale, nonostante le pressioni sociali e familiari, la rende un’eroina moderna ante litteram. La sua evoluzione personale e la ricerca di una propria voce risuonano con forza, offrendo un messaggio di speranza e resilienza anche per le donne nella musica di oggi.


IN LIBRERIA

Titolo: La sorella di Mozart
Autore: Rita Charbonier
Editore: Marcos y Marcos


Articolo precedenteRitratti in jazz: il libro di Murakami
Articolo successivoI geni della creatività, autismo e invenzione
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.