“Musicbiz: l’industria musicale ai tempi dello streaming” offre un’analisi dettagliata e approfondita dell’evoluzione dell’industria musicale con particolare attenzione alle dinamiche economiche e culturali dell’era digitale

“Musicbiz: l’industria musicale ai tempi dello streaming” è un libro pubblicato da Hoepli di Giampiero Di Carlo, imprenditore esperto di music business, che fornisce una visione completa e critica dell’attuale panorama musicale. Il libro esplora le trasformazioni radicali che hanno interessato questo settore negli ultimi decenni, focalizzandosi sugli effetti dello streaming sulla produzione, distribuzione e consumo della musica.

L’autore inizia con una panoramica storica, esaminando le diverse fasi che hanno caratterizzato il rapporto tra musica e denaro fin dagli albori. Dal medioevo al rinascimento, col mecenatismo di nobili e chiesa, agli impresari dell’opera; dalla stampa di spartiti degli editori, fino all’avvento della radio e dei supporti musicali che hanno trasformato la musica anche in un prodotto dell’industria musicale.

Tuttavia, il fulcro del libro è l’era dello streaming che, dopo vinili, cd, video musicali e il download di mp3, ha rivoluzionato il modo in cui la musica viene fruita e monetizzata. Piattaforme come Spotify, Apple Music e YouTube, se da un lato permettono agli utenti di fruire di un catalogo infinito di canzoni a basso prezzo, dall’altro lato sembrano cercare ancora una direzione per quanto concerne la sostenibilità economica.

Un tema centrale del libro è l’analisi dei cambiamenti nel modello di business musicale. Di Carlo illustra come lo streaming abbia spostato il focus dalla vendita di album e singoli al modello basato su abbonamenti, pubblicità e ad un nuovo concetto di copyright e catalogo. Ciò ha implicato una significativa ristrutturazione delle entrate per gli artisti, diventati anch’essi creator sui social, così come per le etichette discografiche e gli altri attori del settore.

L’autore discute anche delle controversie legate alla remunerazione degli artisti, evidenziando come le entrate dello streaming siano distribuite e le sfide che questo comporta per i musicisti emergenti. Il libro esamina anche l’impatto dello streaming sulla promozione e scoperta musicale e di come le playlist curate dagli algoritmi delle piattaforme di streaming abbiano un ruolo cruciale nella visibilità di brani e artisti.

Non viene trascurato l’aspetto tecnologico fino a parlare di Ntf musicali, o di come l’analisi dei dati e il machine learning siano utilizzati dalle piattaforme di streaming per personalizzare l’esperienza dell’utente. L’utilizzo dei dati non solo influisce sui gusti musicali degli ascoltatori, ma offre anche preziose informazioni alle etichette discografiche e agli artisti per pianificare strategie di marketing mirate.

“Musicbiz” di Giampiero di Carlo é quindi un libro interessante, che coniuga l’analisi economica con l’interpretazione musicale, evidenziando sia le opportunità che le criticità di un’industria in continua evoluzione. Si tratta di una risorsa per chiunque sia interessato a comprendere le dinamiche attuali e future della musica nell’era digitale, offrendo spunti di riflessione su come l’innovazione tecnologica possa influenzare profondamente le arti e la cultura.


IN LIBRERIA

Titolo: Musicbiz: l’industria musicale ai tempi dello streaming
Autore: Giampiero Di Carlo
Editore: Hoepli


Articolo precedenteRiviste musicali italiane e internazionali
Articolo successivoRiviste di musica classica più famose
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.