“L’ala del turbine intelligente” è un libro che offre molto più di una semplice raccolta di scritti di Glenn Gould: è un’opera che invita alla riflessione, che stimola il pensiero critico e che arricchisce la comprensione della musica e dell’arte

“L’ala del turbine intelligente” edito da Adelphi, è una raccolta affascinante e stimolante degli scritti del celebre pianista canadese Glenn Gould, una delle figure più enigmatiche e geniali della musica classica del XX secolo. Questo volume uscito in prima edizione nel 1990, non è solo un omaggio al talento musicale di Gould, ma anche una finestra privilegiata sul suo pensiero, sulla sua filosofia e sulle sue molteplici riflessioni sull’arte, la musica e la società.

Il libro è una collezione di articoli, saggi, interviste e trascrizioni di trasmissioni radiofoniche che coprono un arco di tempo significativo della vita di Gould, offrendo una panoramica esaustiva della sua evoluzione come artista e pensatore. La varietà dei contenuti presenti in questa raccolta è sorprendente: si va da profonde analisi musicologiche a riflessioni filosofiche, da provocazioni ironiche a racconti autobiografici, mostrando la straordinaria versatilità intellettuale del pianista.

Uno degli aspetti più affascinanti del “L’ala del turbine intelligente” è la possibilità di immergersi nella mente di Gould e di comprendere meglio le sue scelte artistiche e le sue eccentricità. Gould, noto per le sue interpretazioni pianistiche innovative e spesso controcorrente, emerge qui non solo come un interprete di grande talento, ma anche come un pensatore acuto e critico. I suoi scritti offrono una visione profonda del suo approccio alla musica e della sua filosofia dell’arte e non solo.

Nelle pagine in cui prevede l’avvento dell’era della registrazione e l’inevitabile declino del concerto dal vivo, anticipa molte delle trasformazioni che la tecnologia ha portato nel mondo della musica. Le sue riflessioni sull’uso della registrazione e della riproduzione musicale mostrano una mente proiettata verso il futuro, capace di intuire le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie. Le sue numerose incisioni riflettono un’attenzione maniacale per i dettagli e una ricerca costante della perfezione anche in fase di posto produzione.

Le riflessioni di Gould sulla musica di Johann Sebastian Bach sono un altro aspetto del libro particolarmente illuminante. Il pianista è celebre per le sue interpretazioni delle opere di Bach, in particolare le Variazioni Goldberg, e nei suoi scritti riesce a trasmettere la profondità del suo legame con il compositore. Gould esplora l’architettura musicale di Bach con una passione e una competenza che affascinano il lettore, rivelando nuovi strati di comprensione e apprezzamento per la musica barocca.

“L’ala del turbine intelligente” non è solo una lettura obbligata per gli appassionati di musica classica, ma anche per chiunque sia interessato a esplorare il pensiero di una delle menti più brillanti del XX secolo. Attraverso le sue parole, il lettore viene trasportato in un viaggio affascinante attraverso la mente turibinosa di un artista che ha saputo sfidare le convenzioni e ridefinire il concetto di interpretazione musicale.


IN LIBRERIA

Titolo: L’ala del turbine intelligente
Autore: Glenn Gould
Editore: Adelphi


Articolo precedenteInterpretazione musica: cuore o tecnica
Articolo successivoMade in USA, l’opera dei Sonic Youth
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.