“La musica è un tutto” di Daniel Barenboim è un libro che va oltre la semplice discussione musicale. Esplora le profonde connessioni tra musica, pensiero e società per chiunque voglia comprendere meglio il potere e il significato della musica nella vita

“La musica è un tutto” di Daniel Barenboim, pubblicato da Feltrinelli Editore, è un’opera affascinante e stimolante che offre una visione profonda e articolata della musica e del suo ruolo nella nostra vita. Barenboim, rinomato direttore d’orchestra e pianista, esplora la musica da molteplici angolazioni: come arte che si esegue, si legge, si interpreta e si ascolta. Il libro è un viaggio attraverso l’universo musicale, dove etica ed estetica si intrecciano costantemente.

Barenboim sostiene che la musica non è semplicemente una somma di note, ma un insieme organico che deve essere compreso nella sua totalità. Questo concetto si riflette nel titolo stesso del libro, che sottolinea come la musica sia un tutto indivisibile. L’autore paragona l’essenza della musica al contrappunto, dove le diverse linee melodiche si intrecciano per creare un’unità armonica. Questo principio di interconnessione è centrale nella visione di Barenboim e permea tutto il suo pensiero musicale.

Il libro è diviso in tre sezioni: Occasioni, Conversazioni e un Epilogo. In “Occasioni”, Barenboim riflette sulle diverse circostanze in cui la musica si manifesta e come queste influenzino l’esperienza musicale. Egli discute l’importanza delle scelte nell’esecuzione musicale, paragonandole alle decisioni che devono prendere i politici. Ogni scelta esecutiva contribuisce a creare un equilibrio formidabile che coinvolge la partitura, il compositore, gli esecutori, il pubblico e l’ambiente in cui la musica viene eseguita. Questo equilibrio è essenziale per produrre bellezza e significato.

Nella sezione “Conversazioni”, Barenboim condivide dialoghi con altre figure del mondo musicale, offrendo uno sguardo intimo e personale sulle sue interazioni con compositori e musicisti. Egli esplora le complessità della musica di Mozart e Wagner, due compositori che hanno avuto un’influenza significativa sulla sua carriera. Barenboim analizza le loro opere con una profondità e una comprensione che derivano da anni di studio e interpretazione, rivelando le connessioni nascoste e le sfumature che rendono la loro musica così potente e duratura.

L’Epilogo offre una riflessione su Giuseppe Verdi, completando il quadro dei grandi compositori che hanno segnato il percorso di Barenboim. L’autore esamina l’opera di Verdi attraverso la lente della sua filosofia musicale, mettendo in luce come le opere di Verdi risuonino con le idee di interconnessione e totalità che Barenboim considera fondamentali.

In conclusione “La musica è un tutto” è un libro che va oltre la semplice discussione tecnica della musica. Barenboim invita i lettori a vedere la musica come un linguaggio universale che ha il potere di connettere le persone e di rivelare verità profonde sulla condizione umana. Egli sottolinea l’importanza di un ascolto attivo e consapevole, sostenendo che solo attraverso un impegno profondo con la musica possiamo apprezzarne veramente la bellezza e il significato.


IN LIBRERIA

Titolo: La musica è un tutto
Autore: Daniel Barenboim
Editore: Feltrinelli Editore


Articolo precedenteMosè e Arnold: Schönberg e le 12 note
Articolo successivoRap: la storia italiana in un libro
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.