“Oceano di suono” di David Toop è un’opera importante per chiunque sia interessato alla musica ambient, alla storia del suono o all’arte sonora in generale. Una combinazione di storia, critica e riflessione personale educativa e ispirante sul valore della musica

“Oceano di suono” di David Toop è un viaggio affascinante attraverso le onde sonore che hanno modellato e influenzato la musica ambient e l’arte del suono nel corso del ventesimo secolo. Questo libro, pubblicato per la prima volta nel 1995, è una miscela eclettica di storia, analisi critica e riflessioni personali, che rende omaggio all’universo sonoro in continua evoluzione e alla sua capacità di toccare e trasformare la nostra vita.

Toop, musicista, scrittore e produttore, è una figura rispettata nel panorama della musica sperimentale. In “Oceano di suono”, esplora le profondità dell’ambiente sonoro con una prospettiva unica, intrecciando racconti storici, esperienze personali e una vasta gamma di influenze culturali. Il libro si apre con una discussione su come il suono e la musica ambient abbiano radici che risalgono a pratiche antiche e tribali, suggerendo che la nostra relazione con il suono è tanto primordiale quanto profonda.

Uno degli aspetti più affascinanti del libro è la capacità di Toop di collegare diverse forme d’arte e di pensiero attraverso il suono. Dalla musica di Erik Satie e John Cage, ai soundscape naturali, fino all’elettronica di Brian Eno e al dub giamaicano, Toop dipinge un quadro complesso e affascinante del paesaggio sonoro tra arte, natura e mercato. L’autore non manca di dedicare ampio spazio ai pionieri della musica ambient e alle loro innovazioni.

La descrizione del lavoro di Brian Eno, ad esempio, è particolarmente incisiva. Toop esplora come Eno abbia trasformato il concetto di musica ambient, rendendola un’esperienza immersiva e meditativa, piuttosto che un semplice sottofondo. Egli non si limita a tracciare una cronologia lineare, ma piuttosto crea una rete di connessioni e influenze che attraversano continenti e generi, offrendo una visione globale e multidimensionale della musica.

Toop ci invita a immergerci in un oceano di suoni, esplorando le profondità e le superfici di un mondo acustico ricco e variegato. Pur essendo stato pubblicato per la prima volta nel 1995, il libro risulta ancora oggi particolarmente rilevante. In un’epoca in cui l’ascolto distratto, casuale e frammentato tramite lo streaming ha trasformato il nostro rapporto con la musica, “Oceano di suono” ci ricorda la bellezza di un’esperienza sonora più profonda e consapevole.


IN LIBRERIA

Titolo: Oceano di suono. Musica ambient e ascolto radicale nell’era della comunicazione
Autore: David Top
Editore: Add


Articolo precedenteMusei di storia famosi in Italia e nel mondo
Articolo successivoInterpretazione musica: cuore o tecnica
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.