“Strumentaio: Il costruttore di strumenti musicali nella tradizione occidentale” di Renato Meucci è un’opera che getta una luce brillante su una figura spesso trascurata ma vitale nell’ecosistema musicale: il liutaio

“Strumentaio. Il costruttore di strumenti musicali nella tradizione occidentale” di Renato Meucci è un’opera che si distingue nel panorama letterario dedicato alla musica per la sua approfondita esplorazione della figura del liutaio. Meucci, con una prosa chiara e coinvolgente, ci guida attraverso secoli di storia, rivelando come gli strumenti antichi non siano semplici oggetti, ma veri e propri testimoni culturali e storici, frutto dell’ingegno e della passione umana.

Il libro si apre con un’introduzione che pone le basi per comprendere l’importanza dell’artigianato nella creazione degli strumenti musicali. Meucci descrive con dettaglio la complessità e la bellezza di questo mestiere, spesso sottovalutato, che richiede non solo competenze tecniche, ma anche una profonda sensibilità artistica. La narrazione procede poi con un’analisi storica che parte dal Medioevo, e si snoda attraverso i secoli fino ad arrivare all’epoca moderna.

Uno degli aspetti più affascinanti del libro è la capacità dell’autore di rendere vivi i personaggi storici che hanno contribuito allo sviluppo dell’artigianato musicale. Meucci ci porta nelle botteghe di liutai come Lorenzo Gusnasco e ci fa scoprire le innovazioni di Leonardo da Vinci nel campo degli strumenti musicali. La narrazione è arricchita da aneddoti e curiosità che rendono la lettura piacevole e stimolante.

Il cuore del libro è dedicato alla produzione di strumenti musicali nel sistema corporativo, con particolare attenzione alla liuteria italiana. Meucci esplora la sorprendente immigrazione di liutai tedeschi in Italia e il successo della liuteria bresciana e cremonese. Questa sezione non solo fornisce un’analisi dettagliata dei processi produttivi e delle tecniche artigianali, ma offre anche uno sguardo sul contesto sociale e culturale in cui questi artigiani operavano.

L’opera si conclude con una riflessione sulla modernizzazione e industrializzazione del settore, che ha trasformato radicalmente sia la produzione sia la commercializzazione degli strumenti musicali. Meucci non si limita a descrivere questi cambiamenti, ma invita il lettore a riflettere sulle implicazioni che questi hanno avuto sulla qualità e sull’identità degli strumenti musicali.

“Strumentaio” è un libro che colpisce per la ricchezza di contenuti e per l’approccio multidisciplinare. Meucci combina storia, musica, arte e sociologia per offrire una visione completa e appassionata dell’artigianato musicale. Le illustrazioni presenti nel libro arricchiscono ulteriormente il testo, fornendo un supporto visivo che aiuta a comprendere meglio i concetti esposti.


IN LIBRERIA

Titolo: Strumentaio. Il costruttore di strumenti musicali nella tradizione occidentale
Autore: Renato Meucci
Editore: Marsilio


Articolo precedenteElectrosound: storia musica elettroacustica
Articolo successivoBitches Brew: genesi del capolavoro di Miles
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.