Si chiama XSense la rivoluzionaria superficie touchscreen che nel prossimo futuro porterà funzionalità touch su una vasta gamma di prodotti di consumo e industriali. Un video spiega cosa cambierà rispetto all’iPad.

Prodotta da Atmel, società californiana che si occupa di semiconduttori e che già fornisce i tablet Galaxy della Samsung, la nuova tecnologia di costruzione della superficie tattile XSense sarà in grado di creare progetti touchscreen, come tablet e smartphone ma non solo, più grandi, leggeri, eleganti e senza spigoli. XSense è in pratica un film flessibile e super sottile basato su sensore di contatto che può essere curvato e contorto in tutti i modi mantenendo comuque le sue caratteristiche.

Ai costruttori dei nuovi smartphone sarà consentito così di creare superfici touchscreen dalla linea moderna e affascinante, senza cornici e bordi con le funzioni che proseguono lungo i bordi del dispositivo. Basterà solamente abituarsi ad un telefono flessibile, per il resto la strada dei gadget hi-tech del futuro sembra già segnata.