cassette e giradischi vinile

Ogni anno il Record Store Day che si svolge in tutto il mondo riaccende le discussioni sui formati fisici e digitali e sul loro appeal tra giovani e meno giovani. Risultato di una recente ricerca? Vinile e cassette piacciono ai bambini e ai ragazzi ancora più del download e della musica digitale.

Secondo un sondaggio realizzato da ICM Research su 2.030 acquirenti di musica, addirittura sarebbero le audio cassette date da tutti come finite da tempo, a giovare di una seconda giovinezza passando dal 2% di utilizzatori dello scorso anno a 5% attuale, cifra che sale al 10% tra la fascia di età 18-24 anni, al 13% tra i giovani di 25-34 anni. Nel complesso degli intervistati anche i vecchi vinile sono al 10% ma salgono al 26% tra i 25 e 34 anni, mentre i cd con un 23% sono ancora il mezzo più usato per ascoltare ed acquistare musica contro il 20% di chi ha effettuato download a pagamento. Insomma in barba a mp3 e streaming, da questi dati emerge sicuramente un desiderio molto forte di ascoltare musica ancora da supporto fisico.

Non è ben chiaro se le interviste sono state realizzate fuori dai negozi indipendenti di musica che hanno partecipato al Record Store Day, comunque prendiamo questi dati come un atto d’amore verso la musica analogica che rivive grazie ad una moltitudine di appassionati e collezionisti che saranno pure una nicchia ma sono vivi e vegeti in barba alle classifiche di vendita.