xbox

Basta con i finti moralismi… anche nella musica oggi tutto si può rifare, rielaborare, ricostruire. Lo sanno tutti che con il computer si possono nascondere stonature, fare musica senza sapere suonare una sola nota… ma oltre che della dabbenaggine, la tecnologia viene in aiuto della creatività. Alla fine comunque la musica avrà sempre bisogno di veri musicisti. Guitar Hero e videogiochi musicali? Che male c’è… paura che prima o poi, a furia di usare il computer, la musica finisca dentro al computer? C’è già.

Ma cosa dici… oggi si è liberi di scegliere. E’ vero che Guitar Hero in 4 anni di vita ha ottenuto un successo straordinario vendendo 35 milioni di copie e totalizzando più di un miliardo di dollari di fatturato, ma non ha certo tolto spazio alle “chitarre reali”. Scuole di chitarra ne esistono sempre, chitarristi in carne ed ossa anche. Basta andare ai concerti, son sempre lì sul palco a fare i loro assoli…

Cos’è quella faccia, come fai a non capire? Video-giochi, sono solo giochi, lo dice la parola. Meglio giocare a far finta di suonare che a far finta di spararsi in una finta guerra. E poi tra tutti sti milioni di finti chitarristi a qualcuno sarà pure venuto il dubbio che suonare davvero magari è anche meglio. Più divertente, per esempio. Certo, magari qualcun altro, stanco del Guitar Hero, è corso ad acquistare il Band Hero o il Dj Hero.

Non sai cos’è il Dj Hero? Ma sì, un controller a forma di piatto di giradischi per Dj… la sfida è a suon di remix di canzoni. Comuque il concetto base è sempre quello: rifare, rielaborare, ricostruire e poi partecipare. Non l’hai ancora capito? Alla gente non basta più ascoltare musica in modo passivo… vuole partecipare, condividere, sedurre gli amici con le proprie capacità. Tutto a suon di musica.