vendite ebook

Libri elettronici? Vendite ebook in Italia faticano a decollare. Anche se il trend degli ultimi mesi è in forte crescita, l’Italia sconta un forte ritardo rispetto agli altri paesi con uno 5% di quota di mercato dei libri per i grandi editori.

Come mai in Italia fino ad ora le vendite ebook sono scarse? Mentre in America i ricavi degli ebook hanno già superato quelli dei libri cartacei, siamo il fanalino di coda anche in Europa dopo Gran Bretagna, Francia e Germania che viaggiano con percentuali a doppia cifra. Il peso della tradizione italiana fa la sua parte e poi il fascino della carta, del libro da sfogliare e inevitabilmente le basse competenze tecnologiche.

Quanti libri vengono pubblicati in Italia ogni anno? Troppi, sono circa 70 mila libri che escono sul mercato a soddisfare le esigenze sempre più particolari. Ma quanti libri leggiamo in un anno? Secondo i dati più recenti sono 24 milioni, meno della metà, gli italiani che leggono almeno un libro all’anno ovvero il 49,3% delle donne e il 36,4% degli uomini. Di questi sono 5,2 milioni le persone che hanno scaricato o letto libri online e le vendite ebook riguardano l’8,7% della popolazione.

In Italia quindi, vendite ebook a parte, escono sempre più libri, uno ogni ora circa, ma si legge sempre: meno per mancanza di interesse, tempo, denaro, quest’anno si è perso un ulteriore 9% di volume. D’altronde i dati parlano chiaro: una famiglia su dieci non ha libri in casa, il 64% ne ha un massimo di 100. Leggono più persone al nord (oltre la metà) che sud (circa il 30%) con differenze sostanziali nell’età: tra 11 e 14 anni si legge di più grazie alla scuola. In compenso la crescita di titoli in formato ebook è impressionante, +86,9% nello scorso anno.

Questi dati hanno un peso relativo ma certamente possono indicare alcune tendenze che poi si riconducono inevitabilmente a fattori economici. Quanto costa un eBook? Quali possono essere i vantaggi di acquistare un eBook? Queste sono solo alcune domande che ruotano attorno al fenomeno dei libri elettronici che comunque è ritenuto un grande investimento per il futuro dell’editoria, specie se verrà applicata una aliquota dell’iva al 4%.