orari treni

Uso gratuito delle stazioni ferroviarie, ecco il titolo del documento che le Ferrovie dello Stato ha pubblicato per assegnare le 1700 stazioni dismesse in Italia a chiunque presenti un valido progetto e/o attività di riqualificazione in linea con la comunità e l’ambiente che lo circonda.

Si trovano lungo percorsi di ferrovie dismesse, sono le stazioni come luoghi capaci di accogliere persone che ora vivono in uno stato di totale abbandono in attesa che qualcuno si prenda cura di loro e le faccia rinascere. Basta presentare un progetto e magari il sogno per qualcuno potrà realizzarsi… Le Ferrovie dello Stato non aspettano altro, già 480 stazioni su 1700 sono state assegnate. Regione Toscana, Legambiente, AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile), CSVnet (Centri di Servizi per il Volontariato) e Legacoop Sociali figurano come le prime associazioni a muoversi con progetti e protocolli d’intesa mentre è si stanno avviando nuove intese con istituzioni e governo per incentivare la costruzione di percorsi ‘verdi’ costruiti sulle vecchie vie ferroviarie, le cosìdette greenways.

Sempre rimanendo in Toscana, è d’obbligo citare uno degli esempi di riqualificazione a scopo volontaristico: in provincia di Viterbo la stazione di Ronciglione si è trasformata in casa di accoglienza per famiglie con bambini affetti da tumori grazie all’Associazione Cuore di Mamma che ha ricevuto da Ferrovie dello Stato l’uso gratuito per ben sei anni. L’idea di riorganizzare e riqualificare uno spazio inutilizzato situato molto spesso in luoghi dimenticati e paesaggisticamente meravigliosi, o di qualche valore storico-culturale non è nuovo in Italia. Esiste un’associazione Temporiuso.net che opera sul territorio italiano con progetti di utilizzo di spazi aperti vuoti pubblici o privati, per creare diversi tipi di attività: da quelle più culturali all’accoglienza temporanea per studenti e turisti low cost. Un esempio? Negli ex Magazzini Generali Falk in viale Italia 548 a Sesto San Giovanni ha preso vita, da gennaio 2014, un nuovo spazio della moda e del design sostenibile per 15 atelier di giovani designers e stilisti.