utilizzo smartphone

In Italia e nel mondo l’utilizzo smartphone è in costante aumento in ogni strato della popolazione. In calo altri dispositivi come tablet e pc. Ecco come usano il cellulare le persone tra svago, divertimento e shopping

In strada mentre si cammina, sull’autobus, in metropolitana o peggio in auto o al ristorante. L’utilizzo dello smartphone è sempre più al centro delle nostre vite. Il problema è che questa patologia, in forma più o meno grave, colpisce tutti, nessuno escluso. Sbirciatine al social di turno tra bip e notifiche sono oramai parte integrante di giornate passate in cerca di qualche forma di gratificazione.

Da una parte c’è chi si sofferma sui lati psicologici e sui cambiamenti sociali che un utilizzo sempre più frequente dello smartphone comporta. Il tema del controllo cognitivo degli impulsi e la sensibilità alle ricompense sono affrontati ad esempio in questo recente studio dello Psychonomic Bulletin & Review. Non c’è da stare troppo sereni. L’argomento riguarda da vicino direttamente l’evoluzione dell’uomo. Ma si può anche ironizzare sul lato umano della faccenda. Infine c’è chi si analizza la questione da un punto di vista statistico: l’utilizzo dello smartphone è in aumento sempre e ovunque, ma per fare cosa?

Utilizzo smartphone con l’età

Computer e internet hanno cambiato il modo di stare insieme e di comunicare, studiare, divertirsi e lavorare. E lo smartphone? Una ricerca del Pew Research Center basata su un sondaggio realizzato su un campione di popolazione adulta americana ha cercato di capire quale fosse l’utilizzo più diffuso degli smartphone. Forse telefonare, ascoltare musica, inviare messaggi o fotografare? Un pò tutto questo insieme ovviamente. Con percentuali diverse non solo a seconda del tipo di utilizzo, ma anche a seconda dell’età degli intervistati.

In generale il 90% delle persone utilizza lo smartphone per ottenere informazioni sulla propria posizione. Il 67% ascolta musica come con un normale player mp3 piuttosto che ascoltare canzoni in streaming o la radio fm. In particolare questo utilizzo apparentemente vecchio del mezzo telefonico, abbiamo scoperto essere ancora molto diffuso in Italia. Il 38% di persone da noi utilizza ancora il telefono per ascoltare la radio con l’antenna contro il 22% degli americani. Tra le altre attività svolte da chi ha uno smartphone, c’è il partecipare a video chiamate o chat, guardare video, televisione o servizi in streaming a pagamento.

Come dicevamo l’utilizzo degli smartphone cambia a seconda dell’età. In generale tra i 18 e i 29 anni non ci usano solo App per ascoltare musica e per monitorare le attività sportive. Con questo dispositivo si fanno acquisti di prodotti e servizi direttamente online. Tra i possessori di dispositivi in giovane età, l’acquisto di visione di film o video on demand è quasi doppio rispetto a chi ha più di 50 anni. Se ne deduce che l’idea di telefono come strumento per telefonare e inviare sms è diventato appannaggio esclusivo dei più anziani.

Per i giovani l’utilizzo smartphone passa sempre attraverso internet sia che si tratti di comunicare, informarsi, ascoltare o vedere. Da qualsiasi punto di vista si vogliano analizzare i dati di questa ricerca, è chiara una cosa. Uno strumento dalle dimensioni così ridotte con tutte queste potenzialità rappresenta una vera rivoluzione per tutti. Non solo per il mercato di prodotti e servizi, ma anche a livello sociale, umano e culturale. I vantaggi sono evidenti, i rischi un pò meno.

Utilizzo smartphone in Italia

Per finire questa breve carrellata di riflessioni sullo smartphone, non possiamo non riportare i dati di una recente analisi affettuata dall’Osservatorio Mobile B2c Strategy della School of Management del Politecnico di Milano. In particolare i cellulari di ultima generazione hanno superato il Pc nell’utilizzo di internet, con tutto ciò che ne deriva anche e soprattutto a livello di comunicazione e abitudini di shopping.

L’80% delle persone utilizza infatti lo smartphone per fare shopping ad ogni ora della giornata. Si informa di prodotti, fa confronti e legge caratteristiche scaricando offerte, sconti, coupon per ogni genere di cosa. Grazie ai dispositivi portatili il mercato online è in piena evoluzione. Un futuro che da virtuale diventerà reale grazie al proximity marketing e alle vendite multicanale.

Grandi e piccole aziende lo sanno perfettamente. Non a caso il Mobile Advertising vale già il 30% del mercato pubblicitario online e il 9% su quello complessivo. Si tratta di un fatturato di 715 milioni di euro spesi in banner e servizi come Adwords, con un incremento del +53% sull’anno precedente. Tra i formati di banner più utilizzati ci sono immagini e video, seguiti dal Keyword Advertising.