Uova di pasqua colorate

Come decorare uova di Pasqua con metodi naturali fai da te? Ricette e ingredienti per confezionare uova decorative o da mangiare di cioccolato utilizzando colori naturali per bambini e riciclare quelle avute in regalo

Le uova di Pasqua al cioccolato invadono già varie settimane prima del loro calendario tradizionale supermercati e vetrine delle pasticcerie. Il loro antico significato simbolico si perde tra mille confezioni colorate offerte dalle maggiori aziende che producono dolciumi. Da quelle più economiche alle più esclusive confezionate da grandi chef, le alternative non mancano. Ma si può fare di più.

Uova di Pasqua decorative o da mangiare, si possono anche fare, colorare e decorare tornando indietro nel tempo e riscoprendo il loro valore simbolico basato sulla condivisione. Un passatempo forse più impegnativo rispetto al semplice acquisto, ma sicuramente più divertente e pieno di soddisfazioni per grandi e bambini. Ma non è difficile, basta solo un pò di manualità. Il bello è che, al posto dei colori industriali, per ottenere le tinte desiderate si possono utilizzare ingredienti naturali facendo un ulteriore salto indietro nel passato riscoprendo antiche lavorazioni e tecniche.

Uova di Pasqua origine significato

L’origine delle uova di Pasqua decorate rimanda ad un significato ben preciso che va ben oltre il simbolo di rinascita e resurrezione di Gesù Cristo tipico della tradizione cristiana. Anche per molte popolazioni pagane dell’antichità l’uovo significava nuova vita e fertilità. I riti propiziatori avvenivano dopo l’inverno e decorare uova è sempre stato un modo per dare il benvenuto alla primavera.

L’uovo è il simbolo per eccellenza della vita e auspicio di fecondità. L’idea di rinascita della vita accompagna tutta la Pasqua come festa di primavera. Antichi riti pagani si uniscono alle credenze cristiane. Ma l’Uovo è fondamentale anche come alimento. Figura tra le più antiche risorse alimentari della storia. Cibo semplice, equilibrato con un alto potere nutritivo compare nei menù pasquali di tutto il mondo che la festeggia. Mangiare uova vuol dire partecipare alla risurrezione, alla nuova vita.

Per quanto riguarda gli animali scelti come simboli pasquali, la scelta è dovuta alle loro caratteristiche. Coniglio o lepre sono animali particolarmente prolifici, veloci che si nascondono facilmente nei boschi. Per questo la lepre è protagonista incontrastata di tanti miti e leggende anglosassoni.

Perchè si colorano uova di Pasqua

Dipingere uova di Pasqua di rosso è una tradizione molto sentita nelle chiese cattoliche ortodosse e orientali. Il rosso rappresenta il sangue di Gesù sulla croce, il guscio è la tomba di Cristo e la sua rottura è la resurrezione. Per questo ogni chiesa ha un periodo in cui non si possono mangiare che per i cristiani era la Quaresima. Già nel Medioevo l’uovo si arricchiva e colorava in vario modo secondo le possibilità del momento. A partire da semplici decorazioni a mano, si potevano creare veri propri gioielli d’oro. C’era poi chi si affidava alla natura e tingeva le uova di gallina sode con tinture vegetali.

La caccia all’uovo di Pasqua è un’altra delle tradizioni popolari divertenti che in molte nazioni nord europee e americane è legata al simbolo dell’uovo. Una attività che piace molto ai bambini che possono scorazzare nei campi la mattina di Pasqua in cerca del tesoro. L’uovo che rotola è un’altra rievocazione simbolica che negli Stati Uniti si trasforma in gare ed eventi annuali come l’Easter Egg Roll della Casa Bianca.

Colorare uova di Pasqua naturalmente

Le uova di pasqua si possono colorare dopo averle bollite per almeno 10 minuti utilizzando dei normali colori o kit di colorazione che si trovano in cartoleria, o in modo naturale. In questo caso basta partire dai comuni ingredienti di cucina. Scelta la colorazione desiderata, l’ingrediente viene messo in una pentola con mezzo litro d’acqua e un cucchiaio d’aceto. Quindi si aggiungono uova di gallina o di quaglia (più piccole) e si fanno bollire. I pigmenti si ottengono in questo modo:

  • Giallo = 4/5 bustine di zafferano;
  • Rosso = 4 cipolle rosse (si prende solo l’involucro la buccia);
  • Rosa = 2/3 barbabietole rosse cotte;
  • Viola = 1 confezione di mirtilli da frullare.

Una volta lasciate raffreddare con cura, si asciugano e dipingono. Successivamente possono essere messe all’interno di un dolce di pasta frolla a forma di colomba oppure di un cestino intrecciato. Altra possibilità è confezionare con carta trasparente e fiocchi colorati l’ovetto colorato a cui si può allegare un bigliettino magari disegnato da un bambino.

Uova di Pasqua decorate da mangiare

Le uova sode colorate possono diventare uno spunto per un gustoso aperitivo di Pasqua. In questo caso, se si vogliono mangiare, la ricetta è un pò diversa. La preparazione è giocata con semplici abbinamenti di verdure da condire con formaggio grattugiato, ricotta, caprino e spezie, da abbinare secondo i gusti. Dopo averle cotte e lasciate raffreddare, si svuotano dal tuorlo per essere riempite con 5 diverse creme colorate. Per i colori utilizzare:

  • Asparagi con patate lesse creano un colore verde
  • Barbabietole con le patate sono decisamente rosse.
  • Prezzemolo combinato con basilico, lattuga e ricotta creano un tonalità di verde brillante.
  • Carote con caprino donano un tocco di arancione.
  • Tuorlo di uova giallo/arancio precedentemente svuotate viene triturato e unito al caprino

La parte più divertente rimane il riempimento. Per improvvisare delle sacche da pasticceria si possono utilizzare fogli di carta da forno arrotolati a cono. Se poi rimane della crema colorata, si può incentivare la produzione di tramezzini con olive, capperi sotto sale o pomodorini. Tutto o quasi è concesso.

Ricette uova di cioccolato

Le uova di Pasqua al cioccolato sono ovviamente la versione più tradizionale del simbolo pasquale per eccellenza. Non a caso definito cibo degli Dei, questo alimento è tra i più amati e chiacchierati dei nostri tempi. Proprio a Pasqua diventa l’ingrediente naturale di ogni dolce pasquale, dai più comuni a quelle di alta pasticceria.

Preparazione uova di cioccolato fai da te. E’ fondamentale procurarsi degli appositi stampi in silicone in cui verrà versato cioccolato e panna liquida. Le dosi di panna sono la metà del cioccolato: es. 160 gr cioccolato, 80 di panna. La panna fresca liquida si fa bollire e poi raffreddare. Successivamente si unisce con il cioccolato precedentemente sciolto a bagno maria. Si riempiono gli stampi con una sacca da pasticcere e si lasciano in frigorifero per una notte. Per decorare la superficie di cioccolato si usa pasta e glassa fondente di zucchero che si trova già pronta nei negozi specializzati. Per incollarle alle uova è sufficiente un poco di cioccolato fuso.

Riciclare uova di cioccolato che tutti vi hanno regalato per i figli in dosi industriali, può diventare una necessità. Prima che finiscano nella spazzatura, ci sono tanti modi per non sprecare tanta abbondanza. Ecco alcune semplici ricette che dai biscotti con piccole scaglie alla nutella fatta in casa potranno accontentare tutti i bambini golosi.

Caccia al tesoro con uova pasquali

Il periodo di Pasqua si accompagna a riti che infondono serenità e gioia. La caccia al tesoro con le uova pasquali nascoste è puro divertimento. Una tradizione che viene dai Paesi del Nord ma si adatta a qualsiasi contesto. Si tratta di una tradizioni radicata in molti paesi europei, poco in Italia. Se vi capita di fare un viaggio in Nord Europa in tutte le grandi città si organizzano cacce al tesoro presso musei, parchi e persino in giro per le strade.

Protagonista è il coniglietto di Pasqua. Un animale dispettoso che nasconde uova sode colorate, di cioccolata o di plastica piene di caramelle e dolciumi, tra i ciuffi d’erba del prato, nell’orto oppure in casa. Vale ogni luogo, dipende dall’età dei bambini e dalla fantasia dei genitori. Spesso questa caccia al tesoro è fatta all’aperto, ma se c’è brutto tempo si può giocare anche al coperto. Alla fine chi ha raccolto più uova vince un premio. Tradizionalmente il gioco è associato alla Pasqua, ma veniva giocato anche a primavera e alle feste di compleanno.

Caccia alle uova nel mondo

Per Svezia, Danimarca e Olanda la dimensione della Pasqua è laica. Un gioco ai travestimenti (da streghe e stregoni) a cui si unisce la ricerca delle uova pasquali colorate all’aperto. Sode colorate oppure di cartone come scatole che contengono prelibatezze.. l’importante è scovarle e farne un delizioso bottino. Londra è la tipica città che rispetta la tradizione della Easter egg hunt da sempre. E’ una grande festa a cielo aperto con spettacoli dal vivo e mega ricerche di uova pasquali per la città. Ma anche un’occasione per raccogliere fondi da dare in beneficenza. Non a caso intere famiglie si mobilitano nella ricerca delle uova nascoste coinvolgendo l’intera popolazione.

In Germania i bambini si alzano la mattina della domenica di Pasqua per cercare le uova decorate. Il coniglio pasquale dispettoso le nasconde nei giardini delle case e scovarle non è facile. La Francia unisce sacro e profano e racconta ai suoi bambini la storia delle campane mute. Sono volate a Roma e non possono suonare in rispetto della morte di Gesù, fino al giorno della sua resurrezione. Prima di iniziare la caccia alle uova pasquali bisogna aspettare il ritorno delle campane. Solo allora si iniziano i festeggiamenti con ricerche alle uova artigianali create ‘su misura’ per scomparire tra gli spazi verdi.

L’ America si unisce ai festeggiamenti di Pasqua con ‘Easter egges’ e altri giochi per bambini. ‘Egges rolling’ per esempio. Si fanno rotolare le uova sull’erba con l’aiuto un lungo cucchiaio, cercando di non romperle. Una vera e propria corsa a squadre con l’uovo appresso. La più famosa si svolge ogni anno nel giardino della Casa Bianca. Ma è a New York che gli eventi si moltiplicano nella Easter Eggs Hunt con attrazioni di ogni tipo.

In Italia l’Alto Adige è l’unica regione italiana che osserva la tradizione della caccia alle uova pasquale. A cui si affiancano numerosi altri riti, pagani e cristiani a sottolineare la solennità della festa. Le giornate che precedono la Pasqua sono una girandola di uova sode decorate con colori sgargianti. Ma anche nel resto d’Italia si assiste alla rivalutazione delle tradizioni nordiche, più laiche. Agriturismi, fattorie e associazioni organizzano giornate di caccia alle uova pasquali. Persino nelle città la voglia di condividere l’esperienza della ricerca diventa un’occasione di divertimento all’aria aperta.