Ragazzo fa turismo sostenibile fotografando murales

Il turismo sostenibile in Italia e nel mondo piace sempre di più. Non sapete cos’è? Significa fare vacanza rispettando la natura e l’ambiente. Economico, di lusso o alternativo: ecco alcuni esempi e quali sono le sue caratteristiche

Si chiama turismo sostenibile ed è un nuovo modo di andare in vacanza fuori dalle mete tradizionali troppo frequentate. L’attenzione dei vacanzieri più attenti agli stili di vita si sposta sul nuovo mood del viaggiare responsabile che utilizza strutture ricettive all’avanguardia che promuovono l’economia locale e i soggiorni green.

Il turismo sostenibile è una nuova moda che interessa molti viaggiatori consapevoli. Di cosa? Del fatto che il settore del turismo in generale si posiziona al quarto posto come inquinatore. Oramai siamo tutti più consapevoli, o dovremmo esserlo, diretti verso il biologico e l’ecofriendly. E la sostenibilità è un problema prioritario anche per chi va in vacanza. Il turista disturba gli equilibri della natura, ma le strutture necessarie a trasformare luoghi incontaminati in posti di vacanza, agiscono su ogni aspetto dell’ambiente. La situazione è sempre più difficile da sopportare e nel tempo, più che portare ricchezza, può portare danni anche alle popolazioni che vivono sul territorio.

Il turismo sostenibile è diventata una esigenza per il 68% dei viaggiatori. Secondo i dati contenuti nel Sustainable Travel Report di una agenzia leader nei viaggi, la maggioranza dei vacanzieri preferisce strutture a basso impatto ambientale. Molti però non hanno ancora ben chiaro il significato esatto della parola sostenibilità.

Cosa significa turismo sostenibile?

Fare turismo sostenibile significa mantenere le risorse ambientali e l’integrità culturale delle zone visitate. E nello stesso tempo apportare benefici socio economici alle popolazioni del luogo, distribuendole equamente. Sono da evitare non solo le strutture inquinanti o non sostenibili a livello ambientale, ma anche i casi in cui a guadagnare sono solo tour operator e società che sfruttando il lavoro degli indigeni. Attorno a questo concetto fondamentale si snoda una serie di strategie per promuovere diversificazione e salvaguardia del territorio.

Fare turismo sostenibile significa ad esempio anche dimenticare la macchina o l’aereo in favore della bicicletta o del treno. In questo modo si possono risparmiare risorse e inquinare fino a 10 volte in meno rispetto all’aereo. Oppure, tra le soluzioni più ricercate da chi ricerca percorsi alternativi, si può viaggiare a piedi e riscoprire il fascino del camminare. Dal cammino di Santiago, via Francigena, Via Romea fino alla riscoperta dei passi di montagna e di altri antichi itinerari. Tra aree naturalistiche e spazi dimenticati si possono trovare situazioni autentiche, inimmaginabili.

Turismo sostenibile esempi

Per trovare sistemazioni e alloggi che rispettino ambiente e comunità locali basta consultare Ecobnb. Il suo è un servizio di prenotazione accurato in Italia e in Europa. Un punto di incontro tra viaggiatori responsabili e ospitalità rispettose dell’ambiente, dei luoghi e delle comunità locali. Offre soluzioni per tutte le tasche assicurando uno standard qualitativo ed etico elevato. Insomma niente greenwashing. In questo modo si possono scoprire anche itinerari alternativi e tante idee per un modo di vivere sostenibile. Oltre a ricevere consigli per la spesa e iniziative a tema. E non solo. La sua unicità è di essere una comunità pronta a trovare e promuovere nuove realtà grazie al contributo degli utenti.

Anche gli agriturismi eco per essere davvero sostenibili dovrebbero avere caratteristiche precise. Agiturismibiologici comprende e valuta quelli che rispettano in tutto o in parte la disciplinare AIAB sull’agriturismo bioecologico. Sono strutture che dovrebbero seguire i principi della bioarchitettura. L’energia elettrica dovrebbe essere auto prodotta attraverso fonti rinnovabili, tra cui il sole. E’ d’obbligo l’utilizzo di lampadine a basso consumo. Risparmio idrico, cibi biologici auto prodotti da orto, coltivazioni, allevamenti a kmzero sono altri parametri per giudicare l’effettiva sostenibilità, insieme a rifiuti da compostare, biancheria eco, detergenti e prodotti per la pulizia biologici.

Forme di turismo sostenibile

Il turismo sostenibile sceglie di cambiare rotta, sempre assecondando le esigenze della gente. Le persone vogliono vivere una vacanza a contatto con la natura e in sintonia con l’ambiente circostante? Ecco che operatori e investitori anche di alto livello sono pronti a proporre valide soluzioni e alternative. Tra le forme da considerare ci sono anche le strutture ricettive direttamente all’interno di aree protette di parchi e riserve italiane.

Ma il turismo sostenibile si fa sia in spartane capanne sugli alberi, che in eco hotel di lusso (treehouse hotel) che consentono di ritornare alle origini lontano da tutto e da tutti, senza rinunce. In giro per il mondo si possono trovare villaggi ecologici con suite immerse nella natura per vacanze da favola, anche dormendo sugli alberi con ogni tipo di confort. Dipende dalle esigenze. Alcuni sono davvero incredibili, emozionanti ed esclusivi. Ma per chi vuole mettersi alla prova ci sono anche alloggi gratuiti in fattorie in cambio di mano d’opera.