Come fare turismo sulla neve senza sciare ma godendo della montagna d’inverno. Dalle camminate con scarponcini e ciaspole, ai percorsi su slitte trainate da cani, fino alla snowbike e al pattinaggio su ghiaccio. Le migliori attività per tutti i gusti ed età

La montagna d’inverno è una meta ideale per chi ama il contatto con la natura, il silenzio e il relax. E non è necessario sapere sciare per poter godere delle meraviglie della neve: ci sono tante altre attività da fare sulle montagne innevate o vicino ad esse, adatte a tutti i gusti e le età. Per chi cerca divertimento, avventura e sport, ci sono tante possibilità di turismo sulla neve senza i costi proibitivi degli impianti di risalita.

Lontano dalle folle delle piste da sci, c’è un mondo di relax, sport e bellezza da scoprire nelle più belle località montane. Per i più tranquilli ci sono terme di ogni genere, mentre gli sportivi possono trovare piste di pattinaggio o altre attività ricreative. In questo articolo vi proponiamo alcune idee di turismo sulla neve fresca per chi non scia, con alcuni consigli su dove e come praticarle respirando l’aria fresca e godendo del silenzio.

Indice

Ciaspole sulla neve

Le ciaspole, conosciute anche come “racchette da neve”, sono accessori antichi, semplici e convenienti che si applicano alle scarpe e permettono di ‘galleggiare’ sulle superfici innevate senza sprofondare. Sono ideali per fare turismo sulla neve e passeggiate in montagna e trekking invernale, ammirando il paesaggio e respirando l’aria pura. Sono facili da usare e non richiedono una particolare preparazione fisica.

Le ciaspole si possono noleggiare in rifugi o centri sportivi, oppure acquistare online nei negozi di sport specializzati. Per scegliere dimensione e tipo è necessario considerare utilizzo e peso della persona. Alcuni modelli sono migliori su tracciati battuti o fuori pista, altri hanno ramponi per non scivolare sul ghiaccio e l’alzatacco per affaticarsi meno durante le passeggiate. I modelli migliori possono offrire maggiore leggerezza e attacchi più affidabili con laccetti e fibbie.

L’abbigliamento per ciaspolare consiste in un paio di scarponcini da montagna impermeabili e pantaloni con ghette o elastici finali per non far passare la neve. Se l’escursione è impegnativa e della durata di alcune ore, è bene dotarsi di bastoncini e materiale tecnico specifico. Si consiglia di portare con sé uno zaino con dell’acqua e del cibo, vestiti di ricambio e un kit di primo soccorso.

Le passeggiate con le ciaspole si possono fare in autonomia, seguendo sentieri segnalati, oppure accompagnati da una guida alpina che saprà indicare i percorsi più belli che esplorano luoghi selvaggi e incontaminati. Le escursioni con le racchette da neve richiedono una buona condizione fisica e una certa esperienza di montagna. Non bisogna mai dimenticare le regole di sicurezza, informarsi sui bollettini della neve, ed evitare pendii esposti alle valanghe.

Slittino e bob

Per chi è in cerca di un turismo sulla neve emozionante, lo slittino e il bob sono due sport invernali che alcune località offrono in una combinazione perfetta di adrenalina e divertimento. Per praticarli esistono apposite piste che utilizzano questi mezzi scivolanti, creando un’esperienza indimenticabile.

Lo slittino può essere realizzato in legno o plastica, ed essere guidato con i piedi o con l’ausilio di una corda. La sensazione di velocità e libertà di dirigere la slitta attraverso le curve innevate aggiunge un tocco di avventura. Un abbigliamento adeguato è fondamentale, comprendente guanti, casco e occhiali protettivi, per garantire divertimento e sicurezza durante la discesa. Gli attrezzi possono essere noleggiati in loco o portati da casa, offrendo flessibilità a chiunque voglia provare questa emozionante attività.

Il bob è una sorta di carrozzina metallica o in plastica che si guida tramite una leva. Questo sport offre una corsa più strutturata e veloce rispetto allo slittino, con la possibilità di sperimentare curve e discese lungo pendii innevati o piste impegnative. Anche in questo caso, un abbigliamento protettivo è essenziale, e la scelta della discesa é basata sul livello di esperienza di chi si cimenta in questa avventura.

Entrambi gli sport sono accessibili a persone di tutte le età, dai bambini agli adulti, purché si rispettino le norme di sicurezza e un livello di esperienza fondamentale per garantire un’esperienza divertente e sicura. Alcune tra le località più rinomate per slittino e bob son in Alto Adige e Trentino tra Val Gardena, Val di Fiemme, Val di Fassa, Badia e Pusteria, che offrono paesaggi mozzafiato e piste ben curate per un’esperienza indimenticabile sulla neve.

Sleddog sulla neve

Lo sleddog è un’attività sportiva che consiste nell’utilizzare cani da slitta per trainare una slitta su neve o ghiaccio. L’attività è nata nelle regioni fredde come l’Alaska, il Canada e la Siberia, dove la neve e il ghiaccio costituiscono una barriera naturale per il trasporto di persone e merci nei paesi freddi e nelle zone montuose. Oltre al trasporto di persone o merci in zone isolate, è un’attività sportiva praticata anche per divertimento e in competizioni.

Lo sleddog è uno sport che non solo si limita all’inverno, ma può essere praticato anche durante tutto l’anno su superfici alternative, come erba o asfalto, grazie a speciali attrezzature (come ruote o carrelli) che sostituiscono la slitta. In generale, i cani da slitta sono molto resistenti e ben addestrati a superare grandi difficoltà per garantire il trasporto sicuro e affidabile in zone innevate.

Gli sled dog sono spesso razze a pelo lungo come il Siberian Husky, l’Alaskan Malamute e la Samoiedo, in grado di resistere alle temperature estreme e con una forte muscolatura per trainare pesi pesanti. I cani vengono addestrati fin da cuccioli per lavorare in team, per obbedire ai comandi del musher, la guida della slitta, e per seguire i percorso prestabiliti.

In Italia lo sleddog è offerto in pacchetti di turismo sulla neve in alcune aree montuose del Trentino e Valle D’Aosta durante i mesi invernali, quando c’è copertura di neve. Le Alpi, l’Appennino e le Dolomiti sono tra le zone più adatte per questo sport, con centri specializzati che offrono l’opportunità di noleggiare attrezzature e cani da slitta. Organizzano anche corsi di formazione per chi vuole imparare a diventare un musher.

Snowbike sulle piste

Nelle più rinomate località sciistiche montane esistono anche itinerari per chi vuole provare ad andare in bicicletta su piste innevate come alternativa alla mountain bike. Per fare questo tipo di turismo sulla neve è necessario un equipaggiamento adeguato a cominciare dalla snowbike, una bicicletta con un design ultraleggero con gomme chiodate che fanno presa su apposite piste battute.

Per fare snowbike bisogna sapere impostare le curve e la frenata ed affidarsi alla propria sensibilità. Nelle località sciistiche si possono noleggiare biciclette e footski da adattare ad attacchi e scarponi. Altro discorso per chi non vuole abbandonare la propria mountain bike e preferisce adattarla alle superfici innevate. Oltre alle gomme chiodate per percorsi ghiacciati esistono mini sci da montare al posto delle ruote per lanciarsi a tutta velocità.

L’abbigliamento per snowbike deve essere caldo, comodo e soprattutto impermeabile. Inutile dire che nelle località alpine si possono trovare maestri, istruttori e guide di mountain bike che nella stagione invernale si trasformano in esperti pronti ad accompagnare in itinerari mozzafiato chiunque voglia imparare a muoversi sulla neve con la bicicletta.

Scalare cascate ghiacciate

Se siete alla ricerca di un’esperienza unica e adrenalinica, l’ice climbing è l’attività che fa per voi. Si tratta di scalare cascate ghiacciate con l’ausilio di piccozze, ramponi e corde, sfidando il freddo e la gravità. L’ice climbing richiede una buona preparazione fisica e tecnica, oltre che un’attrezzatura adeguata e la supervisione di una guida alpina esperta. La sensazione di raggiungere la cima di una cascata ghiacciata è indescrivibile, e il panorama che si offre è mozzafiato.

L’ice climbing si può praticare in diverse località di montagna dove esistono cascate di ghiaccio di diversi gradi di difficoltà e bellezza. Tra le più famose ci sono le cascate di Cogne, in Valle d’Aosta, considerate il paradiso dell’ice climbing, con oltre 150 vie di varia lunghezza e difficoltà. Altre località rinomate per l’ice climbing sono le Dolomiti, con le cascate di Sottoguda, le Alpi Orobie, con le cascate di Valbondione, e le Alpi Apuane, con le cascate di Equi Terme.

Per scalare le cascate di ghiaccio serve una attrezzatura specifica e farsi accompagnare da una guida che vi farà vivere un’avventura indimenticabile. Se volete provare questa esperienza, potete consultare i siti delle guide alpine o delle scuole di alpinismo per prenotare una lezione o un’uscita guidata. In alternativa, potete partecipare a uno dei tanti eventi dedicati all’ice climbing come il Cogne Ice Opening o l’Ice Climbing Ecrins.

Percorsi in motoslitta

Chi ama la velocità e l’adrenalina ma non sa sciare, sulle distese innevate invernali può guidare una motoslitta tra boschi, valli e panorami mozzafiato. Lo snowmobiling è un modo divertente e avventuroso di esplorare la natura e il territorio, scoprendo angoli nascosti e inaccessibili con altri mezzi. É anche un’attività adatta a tutta la famiglia, poiché si possono scegliere percorsi di diversa difficoltà e durata, guidando in coppia o in gruppo.

Per guidare una motoslitta è necessario avere una patente di guida valida e indossare un casco omologato. Inoltre, è consigliabile prenotare in anticipo la propria escursione presso una delle tante strutture che offrono il servizio di noleggio motoslitte accompagnati da guide esperte. Queste strutture si trovano in molte località di montagna, soprattutto nelle Alpi e nelle Dolomiti, e offrono pacchetti personalizzati a seconda delle esigenze e delle preferenze dei clienti.

Andare in motoslitta è un’attività che può recare disturbo e deve essere svolta nel rispetto dell’ambiente e delle norme di sicurezza. É importante seguire le indicazioni delle guide, non uscire dai percorsi stabiliti, non disturbare la fauna selvatica e non danneggiare la vegetazione. Inoltre, è bene informarsi sulle condizioni meteorologiche e sul rischio valanghe prima di partire, e avere sempre con sé un cellulare carico e un kit di pronto soccorso.