treno superveloce

Basta aerei o treni su binari: il mezzo di trasport del futuro è un treno superveloce a levitazione magnetica alimentato ad energia solare. Si chiama Hyperloop il primo prototipo testato nel deserto del Nevada

La futuristica idea di Elon Musk per rivoluzionare il mondo del trasporto su rotaia da oggi è un pò più reale. Il noto miliardario statunitense già coinvolto in progetti visionari come Paypal e la prima auto elettrica Tesla Motors, è riuscito a mostrare al mondo intero Hyperloop, un prototipo del treno superveloce privo di attrito che sarà in grado di trasportare persone quasi alla velocità del suono con consumi bassissimi, tanto da venire alimentato esclusivamente con l’energia del sole.

Come si vede nel video, il primo test del treno superveloce realizzato nel deserto del Nevada riguarda il prototipo del sistema di propulsione, che ha accelerato fino a 116 mph (187 chilometri all’ora) in 1,1 secondi prima di fermarsi nella sabbia. Il fatto che non sia dotato di freni è solo uno dei tanti ostacoli che gli sviluppatori dovranno affrontare prima di vedere questa nuova tecnologia diventare realtà. Per ottenere risultati tanto stupefacenti ed evitare anche l’attrito dell’aria, Hyperloop nella sua forma definitiva dovrebbe viaggiare all’interno di un tubo, non è ancora chiaro se interrato o meno.

Nel frattempo, l’esperimento realizzato in Nevada mostrato al mondo con squillo di trombe serve a trovare finanziatori. Per sviluppare ulteriormente il progetto di Hyperloop e ridefinire il futuro del trasporto pubblico – secondo i piani addirittura entro il 2020 – servono tanti soldi. Molto più gli oltre gli 80 milioni di dollari fin qui racimolati in vario modo tra investitori privati, società di ingegneria aerospaziale e istituzionali, compresa la società ferroviaria nazionale francese SNCF.

La posta in gioco d’altronde è molto alta, così come i rischi di fallimento dovuti agli enormi costi di sviluppo. I fautori del progetto sostengono che i rischi sono parte di una rivoluzione del trasporto che consentirebbe di percorrere i 600 e passa chilometri tra San Francisco e Los Angeles in 30 minuti con navette automatiche. Per i più scettici invece l’idea difficilmente si tramuterà in realtà perchè il costo complessivo di una linea a levitazione sarebbe superiore ai 6 miliardi di dollari.

Elon Musk con Hyperloop One vuole invece dimostrare che nulla è impossibile e i suoi collaboratori stano elaborando studi di fattibilità per percorsi in tutto il mondo e anche in Europa, ad esempio con un treno superveloce che collegherebbero Stoccolma e Helsinki e le città della Svizzera. Essere ovunque, non spostare nulla, collegare tutti: la sfida è iniziata.