Se lo scorso anno Person of the year era stato il manifestante dal volto coperto di tutte le rivoluzioni e proteste in piazza, Time nel 2012 incorona il presidente americano Barack Obama.

Cosa ha fatto Obama per meritarsi la tanto ambita copertina della prestigiosa rivista che dal 1927 sceglie la persona che ha più influenzato gli eventi dell’anno? Già perchè attenzione, la foto sulla rivista del Time non è un giudizio di merito, Obama era già stato immortalato nel 2008, ma prima di lui anche George W. Bush, Bill Clinton, fino a Vladimir Putin passando da Mikhail Gorbachev fino al Papa Giovanni Paolo II erano finiti in prima pagina per vari motivi.

Il Time nel 2012 definisce Obama ‘architetto della nuova america’, molto più di un personaggio politico, ma un esempio di una nuova cultura pronta ad abbracciare il matrimonio gay, ad offrire permessi di lavoro ai giovani immigrati privi di documenti, a salvaguardare i diritti delle minoranze in un momento storico di grandi cambiamenti culturali e demografici. Obama conquista la copertina del time battendo un gruppo di persone che hanno eccelso in tutti i campi, dalla fisica italiana Fabiola Gianotti, uno degli scienziati del CERN a caccia del bosone di Higgs, passando dall’amministratore delegato di Apple Tim Cook, Bill e Hillary Clinton, l’attivista pakistana Malala Yousafzai e il presidente egiziano Mohammed Morsi.