“The art of sound” è un’opera che cattura l’essenza dell’audiofilia, celebrando la storia e l’arte di ascoltare. Un tributo per il mondo dell’audio che racconta l’evoluzione della registrazione sonora e la capacità del suono di connetterci con il mondo

“The art of sound: a visual history for audiophiles” di Terry Burrows è un viaggio affascinante attraverso la storia dell’audio e del suo impatto sulla cultura moderna. Questo libro è un must per chiunque sia appassionato di musica e tecnologia audio, offrendo una prospettiva unica sull’evoluzione dei supporti musicali, dei dispositivi di riproduzione sonora e sulla loro influenza nella società.

Il libro traccia una storia globale dell’evoluzione della registrazione e della riproduzione del suono, dall’invenzione del fonoautografo di Scott de Martinville nel 1857 fino ai popolari servizi di streaming di oggi. Lo fa a partire dalle quattro età distinte del suono registrato – acustico, elettrico, magnetico e digitale – documentando prototipi, rari esempi di tecnologia classica e altri artefatti iconici dai tesori degli Archivi EMI e oltre.

Dal cilindro di cera al grammofono stereofonico, dal corno acustico all’altoparlante magnetico, dalla radio a valvole al transistor a stato solido, dal registratore a filo alla nastro magnetico, dal Walkman all’iPod, e dal compact disc al download digitale. Tra disegni e foto di progetti, brevetti stravaganti e innovativi, ci sono i cataloghi di apparecchi che mostrano l’approccio grafico e di marketing sofisticato di ogni epoca e continente.

Burrows, con la sua scrittura coinvolgente, ci guida attraverso decenni di innovazioni, dagli albori dei fonografi passando per i vinile fino alle moderne apparecchiature digitali. Il libro non è solo un compendio di informazioni tecniche, ma è arricchito da aneddoti storici e culturali che danno vita alle invenzioni descritte. Le illustrazioni, accuratamente selezionate, sono non solo belle da vedere ma servono anche a comprendere meglio i concetti spiegati nel testo.

È evidente che ogni elemento del libro è stato pensato per celebrare la bellezza e l’importanza del suono nella nostra vita. “The Art of Sound” è anche un oggetto da collezione. Per qualità della carta, legatura e cura nei dettagli grafici è come fosse un catalogo d’arte che gli audiofili possono esibire con orgoglio in qualsiasi libreria. Premiato come Libro dell’Anno 2017 da Electronic Sound, è che tutti gli appassionati di audio vorrebbero sfogliare.


IN LIBRERIA

Titolo: The art of sound: a visual history for audiophiles
Autore: Terry Burrows
Editore: Thames & Hudson


Articolo precedenteBreve storia della musica di Massimo Mila
Articolo successivoMaestro di te stesso: Pnl per musicisti
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.