teleriscaldamento solare

Aumenta l’interesse per le fonti alternative e in particolare si registra un’ampia partecipazione di numerose delegazioni europee alla prima conferenza sul teleriscaldamento solare tenutasi in Svezia nel mese di aprile.

L’esempio della Danimarca e della Norvegia investe tutta l’Europa con le possibilità che il teleriscaldamento solare può avere se si mette in moto una rete di distribuzione per portare acqua calda o vapore e viceversa nelle varie abitazioni da centrali alimentate anche a biomasse. Durante la conferenza ‘Solar District Heating – Technical solutions, urban planning and business models’ si è assistito alla numerosa proposta di progetti e tecnologie utilizzate dai Paesi che già hanno sperimentato questo genere di energia pulita.

La volontà è di creare una rete di distribuzione a livello europeo per uno scambio di energia a più livelli con un conseguente risparmio. Un esempio per tutti è la città di Malmo dove funzionano con successo ben 9 impianti di teleriscaldamento già da una decina d’anni. ma anche in Italia è dagli anni ’70 che alcune città stanno sperimentando questa forma di riscaldamento.