suonare la chitarra

Sapere suonare uno strumento è il sogno di molti, ma chi non ha mai desiderato imparare a suonare la chitarra? La tecnologia può dare una grossa mano anche in questo campo, o essere uno stimolo importante, come nel caso della Digital Guitar della Magic Instruments

Imparare a suonare la chitarra non è più un sogno impossibile. O almeno così pensa Brian Fan, cofondatore e Ceo della Magic Instrument, prima società a credere nella possibilità di inserire nel mercato degli strumenti musicali una chitarra digitale economica e semplice da suonare. Malgrado le classifiche suggeriscano che l’era del rock e della chitarra distorta ha lasciato spazio a tutt’altri generi musicali (Vasco Rossi, Ligabue & C. sono di un altro pianeta) in realtà se entrate in qualsiasi negozio di strumenti musicali vi renderete conto che la passione per la chitarra è ben lontana dall’essere finita. Di chitarre ne troverete davvero di tutti i tipi: piccole, colorate, elettriche, acustiche, di legno o di altro materiale.

Certo di chitarre di plastica non se ne erano viste ancora. Evidentemente in giro devono esserci ancora un sacco di chitarristi tradizionalisti affezionati al legno. Ma se anche questa è una delle tante certezze che prima o poi dovevano venire cancellate dal progresso, è ancora vero che la chitarra è lo strumento più diffuso al mondo: costa poco ed è facile da imparare. O così si è sempre detto, se non altro per cantare delle canzoni con gli amici. Beh, se non hai mai messo le dita su un manico, suonare la chitarra potrebbe sembrare tremendamente difficile… come? Eh già, smanettare col ditino sullo smartphone è più facile. In ogni caso, per tutti quelli che dopo il tramonto della Guitar Hero avevano smarrito il Jimmy Hendrix che era in loro, vuoi per pigrizia, mancanza di volontà o di tempo, ecco arrivare questa nuova chitarra ritmica digitale.

Cos’è e cosa serve una chitarra digitale?corpo chitarra digitale

La digital guitar è uno strumento di plastica (nero o bianco) dalle forme uguali a quella di una chitarra tradizionale elettrica, solo che al posto delle corde, sul manico ha dei pulsanti. Dalla parte della cassa acustica invece rimangono le corde. Perchè l’hanno inventata? Prima di tutto rende l’esperienza del suonare la chitarra alla portata di tutti e dopo un solo minuto potrete strimpellare allegramente delle canzoni: per suonare un accordo infatti basta pigiare un tasto (solo uno!) sul manico con la mano destra. A suggerire le sequenze di accordi, anzi, i pulsanti giusti da schiacciare per eseguire le varie parti di una canzone, ci pensa lo schermo di un tablet o di uno smartphone collegato via Bluetooth.

Le caratteristiche di questa specie di Gibson Les Paul di plastica non si esauriscono qui: immaginate quante altre funzioni a livello hardware e software possono nascondersi dietro al suo aspetto algido, sia che si tratti di divertirsi o imparare. Ad esempio, oltre alle manopole e al jack per il collegamento all’amplificatore, utile nel caso non si utilizzasse l’altoparlante interno, la chitarra ha una uscita per le cuffie e una MIDI per trasformarla in un controller da collegare ad un sequencer o a un software per comporre musica in studio.manico chitarra digitale

Come dicevamo dalla parte della cassa ci sono le corde che producono un volume diverso a seconda di come vengono percosse, mentre il manico della chitarra è pieno di pulsanti che possono essere programmati singolarmente per produrre accordi e variazioni. Il dispositivo è supportato da una serie di App per iOS o Android con spartiti e testi di canzoni karaoke-style, che per la felicità degli editori possono essere acquistati a pacchetti al costo di 0,99 $ per un disco o di 6 $ al mese illimitatamente a tutto il catalogo. L’alimentazione è a batterie e chi ha provato questa chitarra digitale ritmica dice che è abbastanza leggera, forse più di una chitarra elettrica tradizionale, ma non tanto da offrire la pessima impressione di avere tra le mani un pezzo di plastica.

Se siete arrivati fin qui a leggere e non vedete l’ora di avere questo strumento del futuro tra le mani, purtroppo per acquistarlo al prezzo di circa 300 euro dovrete aspettare fino all’inizio 2017, quando verrà commercializzato. Viceversa, se comunque vi si è acceso il lume della passione e non potete più tenere a bada il Jimi Hendrix che c’è in voi, potrete correre subito in un negozio di strumenti musicali – quelli di cui parlavamo prima con tante chitarre – e per 50 euro acquistare una classica chitarra con il buco e le corde di nylon. Certo, è più difficile da imparare, ma è una chitarra. Per il resto potrebbe anche bastare lo smartphone, no?