strumenti usati nelle canzoni di successo

Nella musica pop i veri artefici del successo di una canzone, piuttosto che essere la melodia o l’armonia, sono le sonorità delle canzoni, il timbro e il suono di strumenti musicali magari un pò particolari utilizzati negli arrangiamenti. Ma quali strumenti sono stati utilizzati nelle 100 canzoni più belle di sempre?

Come abbiamo già visto l’evoluzione della musica leggera occidentale sta andando verso forme di linguaggio sempre più semplici e forse non è un caso che questa ricerca sul suono e sui 58 strumenti musicali più usati nelle canzoni di successo sia stata realizzata nientemeno che dalla Berklee School, considerata una delle migliori scuole di musica al mondo e vera istituzione nell’ambito della formazione musicale americana.

Iniziamo con il dire che per la scelta delle canzoni ci si è basati sulla classifica delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi stilata dalla rivista Rolling Stone’s sulla base di un panel di esperti di musica tra cui musicisti, critici e altre figure del settore. Di queste sono state analizzati gli strumenti utilizzati nelle prime 100. Non che il talento del cantante, una voce particolare, il testo o la stessa melodia non siano importanti, ma oltre a batteria, basso, chitarra e pianoforte cosa ha contribuito a renderle così famose e indimenticabili?

Sicuramente la scelta dello strumento utilizzato nell’arrangiamento di una canzone è un elemento chiave per la sua riuscita. Si scopre così che “Good Vibrations” dei The Beach Boys non sarebbe stata uguale senza uno strumento diffuso in Sicilia e Sardegna come lo scacciapensieri, o che Imagine di John Lennon deve al violino parte della sua fortuna, piuttosto che il Cajon è stato determinante per il successo di What’s going on di Marvin Gaye.

Tra trombe, clarinetti, basso tuba, sassofoni per i fiati, conga, guiro, bongos e tamburelli per le percussioni, non potevano ovviamente mancare le chitarre elettriche e acustiche e una serie di strumenti a tastiere che a parire dal pianoforte e dal clavicembalo vanno fino ai sintetizzatori.

Giusto per non dimenticare che alle spalle degli artisti più famosi c’è sempre un esercito di musicisti, produttori e arrangiatori quasi sempre molto ben preparati sul piano musicale che pur lavorando nell’ombra hanno un ruolo fondamentale anche nelle canzoni apparentemente più banali. Cliccate sull’infografica per avere una panoramica completa.