I migliori servizi di streaming di musica free e premium per ascoltare canzoni gratis o in abbonamento con smartphone e altri dispositivi. App di piattaforme musicali per trovare brani e album di artisti preferiti, scoprire nuovi talenti e playlist personalizzate

L’avvento dello streaming ha rivoluzionato radicalmente il modo in cui le persone accedono e fruiscono di musica. Con la crescente disponibilità di connessioni internet ad alta velocità e l’ubiquità degli smartphone, la musica in streaming ha rapidamente soppiantato i tradizionali supporti fisici come cd e mp3. Questo cambiamento non è solo tecnologico, ma porta con sé una trasformazione culturale e industriale dell’intero settore musicale.

Le piattaforme di streaming musicale hanno avuto successo perchè offrono agli utenti una vasta gamma di opzioni per accedere alla musica in modo conveniente e su larga scala. Da giganti consolidati come Spotify e Apple Music ai più recenti Amazon Music, YouTube Music e altri, vediamo come funzionano e quali sono i migliori servizi per ascoltare canzoni online, podcast, playlist tematiche e seguire i propri artisti preferiti.

Indice

Cos’è lo streaming di musica?

Siamo abituati all’evoluzione dei supporti musicali ma poche cose hanno rivoluzionato l’industria della musica registrata come lo streaming online. Il passaggio da musica fisica a digitale ha compiuto l’ultimo passo nella completa smaterializzazione delle canzoni e nella semplicità di ascolto. Il concetto di streaming musicale è semplice ma rivoluzionario ed è basato sull’accesso senza possesso della cultura digitale.

Senza possedere fisicamente i brani musicali, con la musica in streaming è possibile accedere a un catalogo infinito di canzoni, semplicemente con una connessione internet. Gli ascoltatori possono così esplorare nuovi generi, artisti e brani senza dover acquistare singoli album o brani. Lo streaming offre anche la comodità di poter ascoltare musica su diversi dispositivi, da smartphone a computer e smart speaker, senza la necessità di trasferire o sincronizzare file.

Un altro aspetto importante dell’era dello streaming è la democratizzazione dell’accesso alla musica. Prima, l’industria musicale era fortemente influenzata dalle decisioni delle case discografiche e dalle stazioni radiofoniche, che determinavano quali artisti e brani ricevevano maggiore visibilità e successo. Oggi gli artisti hanno la possibilità di pubblicare direttamente la propria musica su piattaforme online, bypassando i tradizionali intermediari e raggiungendo direttamente il loro pubblico.

Vantaggi della musica in streaming

Lo streaming ha cambiato la musica e non mancano delle criticità, ma offre una serie di vantaggi significativi rispetto ai tradizionali metodi di fruizione musicale come l’acquisto di CD o il download di brani digitali. Innanzitutto, la disponibilità di un vasto catalogo di brani e album su richiesta per accedere a praticamente qualsiasi canzone si desideri in qualsiasi momento e ovunque, con una connessione internet. L’ascolto di musica può essere anche gratis in cambio di pubblicità

Le piattaforme di streaming musicale offrono spesso funzionalità di personalizzazione avanzate che permettono agli utenti di scoprire nuova musica in base ai propri gusti e preferenze. Algoritmi di raccomandazione basati sull’intelligenza artificiale analizzano l’attività di ascolto degli utenti e suggeriscono brani, artisti e playlist che potrebbero piacergli, ampliando così i loro orizzonti musicali e introducendoli a nuovi talenti.

Un altro vantaggio dello streaming musicale è la possibilità di creare playlist personalizzate, che consentono di organizzare la propria musica in base a mood, occasioni o preferenze specifiche. Ad esempio scegliendo canzoni per cenare, studiare, concentrarsi e fare sport. Questo offre un’esperienza di ascolto altamente personalizzata e flessibile, consentendo agli utenti di creare la propria colonna sonora per qualsiasi momento della giornata.

Infine lo streaming musicale offre anche la comodità dell’accesso multipiattaforma. Gli utenti possono accedere e ascoltare la loro musica preferita non solo da smartphone con le cuffiette o collegandolo via bluetooth ad un amplificatore hifi, ma anche da computer e dispositivi come smart TV, console di gioco e altoparlanti intelligenti, garantendo un’esperienza di ascolto senza interruzioni ovunque si trovino.

Piattaforme di streaming in Italia

In Italia, come nel resto del mondo, le piattaforme di streaming stanno diventando sempre più popolari. Alcuni servizi offrono anche l’opzione gratuita con pubblicità, permettendo agli utenti di ascoltare musica senza dover sostenere costi mensili. La scelta della migliore piattaforma musicale dipende da vari fattori, tra cui la qualità del suono, la disponibilità del catalogo musicale, le funzionalità offerte e il costo degli abbonamenti.

Spotify è universalmente riconosciuto come uno dei leader del settore dello streaming musicale. Fondata nel 2006, questa piattaforma ha rivoluzionato il modo in cui le persone accedono alla musica. Con una vasta libreria musicale che include milioni di brani, Spotify offre agli utenti la possibilità di ascoltare musica gratuitamente (con annunci pubblicitari) o di sottoscrivere un abbonamento premium per eliminare le interruzioni pubblicitarie e accedere a funzionalità extra come la modalità offline e la qualità audio superiore.

YouTube music Lanciato nel 2018, YouTube Music sfrutta la vasta libreria di video musicali di YouTube per offrire agli utenti un’esperienza di streaming musicale unica. Oltre alla vasta selezione di brani audio, consente agli utenti di accedere a video musicali, concerti dal vivo e contenuti esclusivi. L’integrazione con la piattaforma principale offre agli utenti un flusso infinito di contenuti musicali e una modalità offline per ascoltare musica senza consumare dati.

Apple Music Lanciato nel 2015, è la risposta di Cupertino al mercato dello streaming musicale. Integrato perfettamente con il vasto ecosistema di dispositivi Apple, offre agli utenti un’ampia selezione di brani, playlist curate e radio online. Permette di ascoltare brani in streaming e di fare il download ma non offre musica gratis. Il servizio è riservato agli abbonati a pagamento che hanno la possibilità di scegliere playlist con un sistema ereditato da Beats curato dai maggiori esperti di musica piuttosto che da algoritmi matematici.

Amazon Music Come parte dell’ecosistema più ampio di Amazon, offre agli utenti un’esperienza di streaming musicale integrata con i servizi di e-commerce dell’azienda. Con l’abbonamento Amazon Prime, gli utenti hanno accesso a milioni di brani senza pubblicità. Il servizio di premium chiamato Amazon Music Unlimited invece offre una libreria musicale più ampia e funzionalità aggiuntive come la compatibilità con dispositivi Alexa.

Deezer Piattaforma di streaming musicale che si distingue per la sua attenzione alla personalizzazione dell’esperienza dell’utente e per la diversità della sua libreria musicale. Con funzionalità come “Flow”, che consente agli utenti di scoprire nuova musica basata sui loro gusti personali, e una vasta gamma di playlist curate dagli esperti, Deezer offre un’esperienza musicale su misura. Gli abbonati possono anche accedere a podcast, radio e contenuti audio in alta risoluzione.

Tidal Si distingue nel mercato dello streaming musicale per il suo impegno per la qualità audio superiore. Fondata nel 2014 da Jay-Z e altri artisti, Tidal offre agli utenti la possibilità di ascoltare musica in alta fedeltà con una qualità audio senza compromessi. La piattaforma offre anche video musicali in alta definizione e contenuti esclusivi dei migliori artisti. Tidal si rivolge agli appassionati di musica che apprezzano la qualità del suono e cercano un’esperienza di ascolto premium.

Napster Sinonimo di controversia nel mondo della musica digitale, è ora rinato come una piattaforma legale di streaming musicale. Fondato nel 1999 come pioniere del file sharing peer-to-peer, Napster è stato rivitalizzato come una piattaforma di streaming musicale legale che offre agli utenti un’ampia selezione di brani, playlist e contenuti audio. Con un’interfaccia utente intuitiva e un focus sull’accessibilità, Napster mira a fornire un’esperienza musicale di qualità per gli utenti di oggi.

Quale piattaforma musicale scegliere?

Quando si tratta di scegliere una piattaforma di streaming musicale, ci sono diverse considerazioni da tenere presente. La vastità delle scelte disponibili può rendere difficile decidere quale sia la migliore per le proprie esigenze. Tuttavia, con una valutazione attenta delle caratteristiche e dei servizi offerti da ciascuna piattaforma, è possibile trovare quella più adatta ai propri gusti e preferenze.

Una delle prime cose da considerare è la disponibilità della musica che si desidera ascoltare. Mentre molte piattaforme offrono un vasto catalogo di brani, alcune potrebbero avere esclusive con determinati artisti o etichette discografiche. È importante verificare se la piattaforma offre la musica dei tuoi artisti preferiti e se ha una vasta selezione di generi musicali che ti interessano. Prendi in considerazione anche i servizi aggiuntivi offerti dalla piattaforma, come la disponibilità di podcast, radio online e contenuti esclusivi.

Un altro fattore da considerare è l’interfaccia utente e l’esperienza d’uso complessiva della piattaforma. Una buona piattaforma di streaming musicale dovrebbe essere intuitiva da navigare e offrire funzionalità come la creazione di playlist personalizzate, la scoperta di nuovi artisti e brani consigliati in base ai tuoi gusti musicali. È importante anche valutare se la piattaforma è disponibile su tutti i dispositivi che utilizzi regolarmente, come smartphone, tablet e computer.

Infine è importante considerare il costo e il tipo di abbonamento offerto dalla piattaforma. Alcune piattaforme offrono un servizio free gratuito supportato da annunci pubblicitari, mentre altre richiedono un abbonamento mensile premium per accedere a funzionalità premium come la modalità offline e la qualità audio superiore. Valuta attentamente le opzioni disponibili e scegli quella che meglio si adatta al tuo budget e alle tue esigenze.

Abbonamenti premium o free

Nel vasto panorama delle piattaforme di streaming musica, ci si trova di fronte a una scelta cruciale: optare per un abbonamento premium a pagamento o rimanere con un servizio gratuito supportato da annunci pubblicitari? Questa decisione può influenzare notevolmente l’esperienza di ascolto e le funzionalità disponibili.

Gli abbonamenti premium offrono una serie di vantaggi significativi. In primo luogo, gli utenti possono godere di un’esperienza senza interruzioni pubblicitarie, consentendo loro di immergersi completamente nella musica senza interruzioni. Inoltre, spesso gli abbonamenti premium offrono una qualità audio superiore, consentendo di apprezzare al meglio la musica con un suono cristallino e dettagliato.

Alcune piattaforme premium offrono anche funzionalità aggiuntive, come la modalità offline, che consente agli utenti di scaricare brani per l’ascolto senza connessione Internet, e la possibilità di saltare tracce illimitatamente. Questi vantaggi possono essere particolarmente utili per gli utenti che desiderano avere accesso illimitato alla loro musica preferita in qualsiasi momento e ovunque.

L’opzione gratuita supportata da annunci pubblicitari può essere un’ottima scelta per risparmiare denaro se non si è troppo disturbati dagli annunci durante l’ascolto. E’ importante notare che gli utenti gratuiti potrebbero non avere accesso a tutte le funzionalità offerte agli abbonati premium e potrebbero essere limitati nella qualità audio e nelle opzioni di personalizzazione.

Se siete indecisi su quale sistema adottare tra free e premium, fate prima una prova gratuita di un mese, poi decidete. I servizi di musica in streaming gratis hanno molte limitazioni, non è possibile scegliere i brani e si è più o meno frequentemente interrotti da uno spot martellante su ritmo dance. Se ad esempio amate ascoltare musica classica, interrompere un ascolto di una sinfonia con uno spot su base tecno non è proprio il massimo…

Piattaforme di musica gratis

Di seguito riportiamo altri servizi dove ascoltare musica gratis online. Si tratta di sistemi di streaming o di radio online che consentono anche il download di mp3 in modo legale. Pur non trattandosi di servizi come quelli a pagamento, sono perfetti per ascoltare brani di sottofondo senza spendere nulla.

YouTube Oltre ad avere un servizio di streaming musicale che abbiamo visto in precedenza, YouTube è da sempre il migliore sistema per ascoltare musica gratis attraverso i video degli artisti? Basta collegarsi al sito tramite browser o app, e digitare il nome dell’artista di cui si vogliono ascoltare i brani. Subito compariranno i suoi video, da filtrare in base a vari parametri, mentre sulla destra dello schermo si può ascoltare il mix di YouTube di canzoni con più visualizzazioni.

Tunein E’ una radio online che offre canzoni ma anche anche programmi e podcast da tutto il mondo. Le stazioni si possono scegliere in base al genere e alla provenienza. Trattandosi di radio con una programmazione completa che include anche gli sponsor, in questo caso l’ascolto è davvero completamente gratuito e si possono trovare delle vere chicche.

Lastfm E’ una radio in streaming organizzata in modo molto semplice per ascoltare musica gratis ascoltando solo le canzoni di proprio interesse come se si trattasse di playlist di servizi a pagamento. Invece funziona bene ed è completamente gratuita.

Soundhound E’ un’applicazione che consente agli utenti di identificare canzoni in modo rapido e preciso, sia attraverso l’ascolto diretto che mediante l’immissione di testo. Gli utenti possono creare profili personalizzati e salvare le canzoni identificate per futura consultazione.

Soundcloud La più grande piattaforma online dedicata ai musicisti. Con questo servizio dilettanti e professionisti di ogni genere possono fare ascoltare al mondo intero le loro canzoni in streaming. Fa con la musica quello che YouTube è per i video. Infatti solo una piccola percentuale di chi propone brani ha alle spalle grandi etichette.


Articolo precedenteMangiare sano fuori casa al ristorante
Articolo successivoGemini applicazione Ai generativa di Google
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti, fondatore di Bintmusic.it, è un imprenditore online, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.