fontana acqua

Siete tra quelli che vedono negli stranieri una risorsa o un pericolo? Mettetevi il cuore in pace perchè nei prossimi anni secondo l’Istat il numero di immigrati in Italia è destinato ad aumentare e di molto.

Insomma, se siete tra chi pensa che alla fine saranno gli immigrati a pagarci la pensione sarete contenti. Secondo una stima Istat nel 2065 in Italia abiteranno da un minimo di 53,4 milioni ad un massimo di 69,1 milioni di persone, ovvero ci saranno una media di 61,3 milioni di residenti. Di questi 61,3 milioni gli immigrati saranno 14,1 milioni (da un minimo di 12,6 ad un massimo di 15,5 milioni) e ciò significa che gli stranieri che oggi in Italia sono il 7,5% della popolazione, passeranno al 22-24% del 2065. Il fenomeno sarà anche una conseguenza del fatto che gli italiani faranno meno figli e saranno sempre più vecchi.

L’età media aumenterà infatti dagli attuali 43,5 anni ai 49,8 anni del 2059 per poi stabilizzarsi, ma gli anziani 65 enni arriveranno ad essere il 33,2% della popolazione contro il 20,3% di oggi. In compenso ci saranno meno giovani fino a 14 anni di età (dal 14% di offi al 12,4%) e diminuirà anche la popolazione in età lavorativa (15-64 anni) passando dall’attuale 65,7% fino a un minimo del 54,3%.