L’evoluzione del sound design nella musica e nella comunicazione. La progettazione del suono per creare effetti sonori per cinema e televisione, la sua importanza nella produzione musicale, nei podcast e videogiochi e nelle strategie di branding

Il sound design è l’arte di creare suoni originali, innovativi e distintivi attraverso la manipolazione e combinazione di suoni preesistenti o generati digitalmente. È una disciplina fondamentale nella produzione musicale e nella comunicazione in generale, in quanto consente di trasmettere emozioni, sensazioni e informazioni attraverso il suono. E’ un elemento cruciale nella musica in studio e live, ma occupa un posto di rilievo anche nel branding e nella narrazione di storie.

Il sound design utilizzato nei diversi contesti artistici e della comunicazione ha il compito di creare esperienze sonore uniche e coinvolgenti per il pubblico, utilizzando le tecniche e le tecnologie più avanzate per manipolare il suono in modo creativo e innovativo. Con lo sviluppo della tecnologia questo settore è in continua evoluzione, aprendo nuovi scenari creativi e opportunità per musicisti, ingegneri e professionisti del settore.

Indice

Cos’è il sound design?

Con il termine di sound design si intende la creazione di suoni personalizzati o innovativi per la produzione musicale, il cinema, la televisione, i videogiochi e altri media audio. La progettazione del suono in pratica coinvolge la creazione di strati sonori complessi, l’utilizzo di campionatori, effetti e filtri, e l’uso di tecniche avanzate di elaborazione del suono realizzato utilizzando una vasta gamma di strumenti software e hardware.

I software di sintesi sonora sono diventati molto comuni e consentono ai produttori di creare suoni personalizzati e di generare forme d’onda complesse. Utilizzando campionatori, sintetizzatori virtuali ed effetti si possono creare suoni realistici o fantasiosi direttamente attraverso i computer. Software e hardware dedicati al sound design includono una vasta gamma di opzioni per i produttori che vogliono creare suoni in modo più organico e fisico.

Come si crea un sound design?

Come tutti i tipi di design, il sound design è un processo creativo che richiede un’attenta pianificazione e sperimentazione. In molti casi, i produttori musicali iniziano con un’idea di base per il suono che vogliono creare e poi esplorano diverse opzioni per raggiungere l’effetto desiderato. Ciò può includere la selezione di strumenti e suoni specifici, l’aggiunta di effetti e filtri per creare un’atmosfera o un’emozione specifica e l’elaborazione del suono per ottenere la texture desiderata.

Una volta creati i suoni, il sound design diventa un elemento cruciale nella produzione musicale. I suoni possono essere utilizzati per realizzare strati sonori complessi che aggiungono profondità e dimensione alla traccia, creando un’atmosfera specifica per evocare emozioni particolari. Il sound designer hanno un compito importante nella comunicazione perché arricchiscono l’esperienza sonora dell’ascoltatore.

Un buon sound design non deve essere utilizzato solo per il gusto di essere innovativi, ma deve essere al servizio della produzione musicale o del messaggio che si vuole trasmettere. Un sound designer deve avere competenze tecniche, creatività e una buona conoscenza della psicologia del suono e della percezione sonora. I suoni possono infatti influenzare l’umore e le emozioni dell’ascoltatore e bisogna sfruttarli in modo efficace senza esagerare.

Sound design nella musica

Il sound design può essere utilizzato in molte fasi della produzione musicale, dalla registrazione alla post-produzione, per creare strati sonori complessi, effetti sonori unici e modificare la timbrica dei suoni. I suoni compongono le tracce musicali, dalle percussioni alle melodie, passando per gli effetti sonori e le ambientazioni sonore. Possono essere creati a partire da registrazioni di campo, utilizzando campionamenti di suoni esistenti o generati digitalmente attraverso sintetizzatori e altri strumenti elettronici.

Nella produzione musicale moderna i suoni hanno un ruolo sempre più importante, soprattutto nella musica elettronica. La disponibilità di strumenti software e hardware sempre più avanzati ha reso possibile la creazione di suoni complessi e innovativi, che prima sarebbero stati difficili da realizzare. Il sound design non riguarda però solo i generi musicali elettronici, ma può essere utilizzato anche in generi tradizionali come il rock, il pop e il jazz.

Effetti sonori possono essere utilizzati per creare situazioni musicali complesse, come il riverbero di una chitarra, o per modificare la timbrica di un suono, creando un’atmosfera sonora unica. Durante la registrazione di un brano il sound designer può utilizzare anche microfoni diversi per catturare le diverse frequenze del suono, creando una registrazione più dettagliata e tridimensionale.

Sound delle performance live

Il sound design consente di dare un’identità sonora unica alle tracce musicali, distinguendole dalle altre produzioni e creando un’esperienza coinvolgente per l’ascoltatore. Sovrapponendo più tracce audio si possono creare strati sonori per un suono unico e distintivo. Nella musica pop armonicamente molto semplice, gli effetti sonori complessi e innovativi possono avere un ruolo importante anche nel successo di una canzone, rendendola più interessante.

Nelle performance live il sound designer può creare effetti sonori in tempo reale, manipolare il suono e creare un’esperienza sonora unica per il pubblico. Per ottenere questi risultati ha a disposizione strumenti digitali e software specifici. A partire dai pedali per chitarra fino a tastiere e sintetizzatori ai software che utilizzano loop audio o campionamenti, sovrapponendo diversi suoni si possono creare atmosfere sonore uniche.

Il sound design è diventato quindi un elemento fondamentale nelle performance live di musica elettronica, ma anche nell’arte. In alcune esposizioni di arte contemporanea può esserci un tappeto sonoro che esalta le installazioni artistiche. A volte la presenza diretta di un sound designer può creare suoni ed effetti sonori in tempo reale aggiungendo un’ulteriore dimensione all’esperienza artistica del pubblico.

Progettazione del suono e branding

Il sound design è diventato un elemento sempre più importante delle strategie di branding aziendale, poiché può essere utilizzato per creare un’identità sonora unica e riconoscibile per l’azienda o il prodotto. La sfida del sound designer e creare suoni distintivi che identificano un marchio contribuendo a creare una connessione emotiva con il pubblico. Esistono molti esempi di aziende famose che hanno un suono distintivo utile ai fini del marketing.

Sì possono trovare esempi di branding sonoro in molti settori. Ad esempio il suono di avvio dei film della DreamWorks Animation è diventato famoso in tutto il mondo e parte dell’identità visiva e sonora della casa di produzione. Allo stesso modo i suoni dei sistemi operativo Apple e Windows sono diventati elementi distintivi della marca, così come le suonerie dei cellulari della Samsung. I loghi musicali sono un tipico esempio di suoni che diventano parte dell’esperienza utente.

Il sound design è usato anche nelle strategie di branding di negozi, ristoranti e una musica particolarmente studiata viene diffusa negli hotel più famosi ed esclusivi. In questo caso più che esistere un singolo logo musicale, può esserci la necessità di creare una vera e propria colonna sonora fatta di note, musica ma anche di rumori in grado di suscitare emozioni e ricordi che rimarranno parte delle esperienze sensoriali dei clienti.

Suono elemento di storytelling

Film, videogiochi, podcast e pubblicità utilizzano il sound design come elemento importante nella narrazione di esperienze e storie. Il sound designer utilizza i suoni per creare un’atmosfera che supporta la storia e le emozioni che si vogliono trasmettere con effetti sonori, musica e voci fuori campo per creare un’esperienza di ascoltatore coinvolgente e immersiva.

Nel cinema il sound design è utilizzato per creare atmosfere, ambienti e effetti sonori che contribuiscono a creare una maggiore empatia con i personaggi e una maggiore immersività nell’esperienza del film. Nel mondo dei videogiochi, il sound Design è utilizzato per creare ambienti sonori realistici e coinvolgenti, e per comunicare informazioni importanti al giocatore tramite effetti sonori e musica.

La musica dei videogiochi e la loro sonorizzazione complessiva è un elementi cruciale per creare un’esperienza di gioco coinvolgente e immersiva. I suoni dei personaggi, degli oggetti e dell’ambiente sono essenziali per creare una storia coerente e convincente. Il sound design, in questo contesto, può fare la differenza tra un gioco mediocre e uno di successo. Ma il suono è fondamentale nella comunicazione in generale, in quanto consente di trasmettere messaggi.

Nei podcast il sound design è utilizzato per creare atmosfere sonore e per supportare la narrazione, mentre in uno spot pubblicitario, può essere utilizzato per enfatizzare le emozioni creando un’atmosfera che insieme alla musica supporti il messaggio principale. In questa costante evoluzione di strumenti, mezzi e dispositivi, il nuovo terreno di conqusta dei sound designer sarà la realtà virtuale e la realtà aumentata del metaverso.


Articolo precedenteDonne sul lavoro e parità di genere
Articolo successivoAgenzie di viaggi online e tour operator
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.