social

I social network da Facebook a Twitter sono diventati un alleato insostituibile per chi vuole fare comunicazione a tutti i livelli e in tutti i settori, figuriamoci per la musica che è diventata sempre più liquida e immateriale.

Per di più con lo streaming non si deve nemmeno possedere virtualmente. Ma quali sono i social migliori per i musicisti e quindi per i fans e gli appassionati di musica? Iniziamo con il dire che negli ultimi anni è cambiato radicalmente il rapporto tra artisti e fans: se prima i contenuti come musica ma anche foto, interviste, informazioni e tutto il resto erano generati principalmente dagli artisti e dalle etichette, ad esempio sotto forma di video, nell’era social sono gli stessi fans a diventare un mezzo di promozione fondamentale per i musicisti riprendendo i loro concerti, scattando foto o dialogando con gli artisti sulle chat.

Ecco perchè il marketing nella musica si basa sempre di più su contenuti generati dagli utenti, dalle fotografie ai video su Instagram, Vine, Twitter fino a Google+ che non ha ancora molti utenti attivi o artisti sulle sue pagine ma è decisamente in aumento sotto questo punto di vista, anche perchè le App Android si sposano perfettamente con il suo ecosistema – vedi le video chat di Google Hangout che consentono ad artisti e pubblico di incontrarsi in diretta.

Qual è il più social network migliore quindi per gli artisti e per il pubblico? Gli esperti sostengono che anche in questo campo fotografie e video vadano per la maggiore, quindi Instagram e YouTube sono i primi della lista, seguiti da Twitter che consente all’artista di dialogare con gli utenti mantenendo e controllando la distanza con il suo pubblico, mentre Facebook pur essendo sotto certi aspetti più completo, forse è anche più macchinoso, non così immediato nel flusso di informazioni.

Per tutti gli artisti la sfida è partecipare al gioco del dare e dell’avere, perchè per avere successo diventano fondamentali parole come scoperta e coinvolgimento. Si tratta di un lavoro quotidiano che se non può essere gestito direttamente dall’artista deve essere intrapreso da manager, assistenti, pubblicisti che si occupino di pubblicare continuamente contenuti, notizie, foto, video. Già, una volta fare musica era più semplice…