Social network famosi: elenco più utilizzati

Elenco famosi social network più utilizzati in Italia per condividere pensieri, idee e discussioni, foto e video. Dove fare incontri e allargare la propria cerchia di amici o trovare nuove opportunità di lavoro nei gruppi online

I social network hanno cambiato la società e hanno un ruolo fondamentale nel mondo d’oggi. Sono indubbiamente tra i servizi online che hanno avuto più successo nell’era di internet. Apportando una vera rivoluzione nelle modalità di comunicazione tra individui vicini e lontani, hanno aperto nuovi orizzonti diminuendo le distanze fisiche e favorendo gli scambi e la condivisione di idee ed informazioni. Certo non tutto quello che luccica è oro anche nel settore della tecnologia.

E’ già finito il boom dei social network famosi? Non proprio, ma secondo alcune indagini il tempo dedicato dagli utenti del web a piattaforme come Facebook, Twitter e Instagram è in diminuizione. Dopo la bulimia iniziale, forse la gente ha capito che mettere la propria vita in pasto di amici veri o presunti non è il viatico per la felicità. Evidentemente c’è chi inizia a sentire il bisogno di tornare ad una dimensione più intima e profonda. Non a caso non sentono la crisi e sono sempre più utilizzati i sistemi di messaggistica dove lo scambio di messaggi avviene in contesti più privati e protetti.

Secondo gli analisti i social network più famosi comunque continueranno a dominare la scena mondiale anche nel futuro del web, ma si utilizzeranno in modo più razionale ed equilibrato, basandosi sulla condivisione di contenuti di una certa qualità. Basta quindi all’esibizione costante del proprio quotidiano, che non solo non interessa nessuno, ma che comporta anche rischi di privacy e sicurezza. Stop anche alle decine di App installate sullo smartphone che alla fine fanno la stessa cosa rallentando le prestazioni dei dispositivi.

Social network cosa servono?

I social online sono riviste di notizie, immagini e video pubblicati direttamente dagli utenti a formare una vera e propria rete sociale. Ci si ritrova online tra gruppi di amici, conoscenti o sconosciuti che condividono interessi comuni. Si parla delle proprie passioni, scrivendo testi e pubblicando foto. La portata del fenomeno è enorme tanto che Mark Zuckemberg, fondatore di Facebook, il social più diffuso, è uno tra gli uomini più ricchi e potenti al mondo. Non ha fatto altro che sviluppare una tecnologia semplice per fare incontrare la gente dietro pc, tablet e smartphone.

Partecipare ad un social network è facile: basta cliccare su uno dei tanti servizi più usati e creare un profilo personale con interessi, lavoro e altro. C’è chi trova questo modo di avere amici un pò finto e virtuale. Sicuramente è una modalità che aiuta a ristabilire i contatti e ad estendere la propria lista di conoscenze all’infinito, anche per scopi professionali. Ma c’è anche chi li utilizza per trovare l’amore della propria vita e forse proprio per questo hanno avuto un grande successo.

Come hanno cambiato la società?

Riguardo all’utilità dei social network esistono pareri favorevoli e contrari. C’è qualcuno che sostiene come abbiano cambiato la vita delle persone in peggio. Altri li ritengono addirittura pericolosi, nell’infrangere la privacy delle persone o dare dipendenza. E’ bene chiarire che il mezzo utilizzato non ha mai colpe. La differenza tra il bene e il male sta nell’utilizzo che si fa delle cose. E’ chiaro che andare in auto contromano a 100 all’ora è pericoloso, così come chiudersi in una stanza ore al giorno a postare con gli amici senza uscire di casa non è sano. Anzi può causare vere ossessioni come insegna il fenomeno degli hikikomori.

Usati nel rispetto delle regole e con cognizione di causa, senza dimenticarsi che disconnettersi da internet spesso è salutare, i social network possono essere una risorsa anche utile e importante. Le persone oggi sono molto più informate e consapevoli, hanno opinioni politiche che condividono, possono scambiarsi pareri e contenuti in ogni parte del mondo con un click. Esistono servizi con funzionalità di ricerca in cui utenti candidati possono trovare lavoro mostrando le loro competenze. Le aziende li usano per pubblicizzare prodotti con precisi target di riferimento o per connettersi e interagire con clienti e dipendenti.

La diffusione enorme di queste piattaforme, utilizzate nel mondo da 3,2 miliardi di persone, ha fatto emergere altri problemi. Primo tra tutti quello delle notizie false, veicolate artificiosamente da lobby o gruppi politici a scopo elettorale. Per condizionare le masse l’uso distorto della realtà avviene in maniera scientifica e mirata. Alcune persone, i cosiddetti leoni da tastiera, fomentati su argomenti spinosi, a volte mostrano il loro lato peggiore e aggressivo. Inoltre le famiglie hanno dovuto fare i conti con il ciber bullismo, in cui si prendono di mira ragazzi o ragazze senza apparente motivo. Infine i social utilizzano i nostri dati per venderci prodotti, ma ciò è abbastanza scontato.

Social network più usati in Italia

Sta di fatto che solo in Italia le piattaforme social sono usate da 34 milioni di persone per quasi 2 ore al giorno con un incremento anno dopo anno del 10%. Le app social installate sugli smartphone degli italiani sono 30 milioni. In testa alla classifica YouTube utilizzato dal 62% dei navigatori, seguito da Facebook (60%), WhatsApp (59%), Messenger (39%), Instagram (33%) e Google+ (25%) e Twitter (23%). Eccoli descritti nei dettagli.

Youtube Tutti lo avrete utilizzato migliaia di volte per cercare e condividere video o ascoltare musica, ma in realtà YouTube è a tutti gli effetti anche un social con cui condividere contenuti solo con i propri amici e iscritti al canale personale

Facebook Il social network più diffuso al mondo e in Italia. Ottimo per incontrare e ritrovare amici, caricare foto e video, discutere e pubblicare collegamenti, lanciare discussioni e conoscere nuova gente

Instagram Consente di condividere il proprio percorso digitale di foto e video solo con una cerchia ristretta di amici avendo il controllo di informazioni ed esperienze

Twitter Micro blogging sociale per connettersi istantaneamente a vari argomenti di interesse e seguire notizie, fatti e parole di amici, giornalisti, personaggi famosi e celebrità

Linkedin Il miglior modo online per parlare di lavoro, trovare contatti e incontrare professionisti per condividere informazioni, idee e opportunità

Pinterest E’ tra gli ultimi arrivati ma in America sta avendo un grande successo per condividere foto, video, discussioni organizzati in categorie

Snapchat Anche se è utilizzata dal 9% degli italiani, è diventata l’applicazione più usata dagli adolescenti in America, superando addirittura Instagram nelle preferenze dei giovani

Tumblr Una piattaforma di micro blogging sociale che consente di inviare testi, immagini, video, collegamenti, citazioni e audio

Altre piattaforme sociali

Questo elenco di social network non ha avuto il successo di quelli citati in precedenza o è stato direttamente inglobato in altri servizi.

Reddit Social network e news website per inviare contenuti in forma di collegamenti e creare o partecipare a gruppi di discussione

MySpace Una delle prime community di social network dove trovare amici, ascoltare musica gratis, condividere foto, guardare video, scrivere blog

Badoo Social network utilizzato per incontrare gente nuova e conoscere nuovi amici

Twoo Un social network per creare pagine web personali, blog, caricare foto, guardare video e giochi

Waze Una applicazione per dispositivi portatili e una mappa per evitare il traffico e le code in strada basata sulla condivisione di informazioni tra utenti dotati di smartphone con gps

Social network per artisti e fans

Tutti i social network da Facebook a Twitter sono diventati un alleato insostituibile per chi vuole fare comunicazione a tutti i livelli e in tutti i settori. Figuriamoci nella musica che è diventata sempre più liquida e immateriale e con lo streaming non si deve nemmeno possedere virtualmente e il rapporto tra artisti e fans negli ultimi anni è cambiato radicalmente.

Se prima i contenuti come musica ma anche foto, video, interviste, informazioni e tutto il resto erano generati principalmente dagli artisti e dalle etichette, nell’era social sono gli stessi fans a diventare un mezzo di promozione fondamentale per i musicisti riprendendo i loro concerti, scattando foto o dialogando con gli artisti sulle chat. Il marketing nella musica si basa sempre di più su contenuti generati dagli utenti, dalle fotografie ai video su InstagramVineTwitter fino a Google+ che anche se non è mai decollato i video chat di Google Hangout consentono ad artisti e pubblico di incontrarsi in diretta.

Ma quali sono i social network migliori per i musicisti e quindi per i fans e gli appassionati di musica? Gli esperti sostengono che anche in questo campo fotografie e video vadano per la maggiore, quindi Instagram e YouTube sono i primi della lista, seguiti da Twitter che consente all’artista di dialogare con gli utenti mantenendo e controllando la distanza con il suo pubblico, mentre Facebook pur essendo sotto certi aspetti più completo, forse è anche più macchinoso, non così immediato nel flusso di informazioni.

Per tutti gli artisti la sfida è partecipare al gioco del dare e dell’avere, perchè per fare successo diventano fondamentali parole come scoperta e coinvolgimento. Si tratta di un lavoro quotidiano che se non può essere gestito direttamente dall’artista deve essere intrapreso da manager, assistenti, pubblicisti che si occupino di pubblicare continuamente contenuti, notizie, foto e video.