smartphone

Sembra proprio che il tanto osannato smartphone compagno insostituibile di vita sia in realtà un oggetto che oltre a problemi psicologici possa recare danni alla pelle se usato in modo compulsivo: rughe sul collo e intorno agli occhi, macchie scure, brufoli sono le conseguenze.

Ad esempio il surriscaldamento fa male alla zona in cui si appoggia lo smartphone, la guancia mentre lo schermo è veicolo di germi che si diffondono sul viso per non parlare dei movimenti impercettibili che il viso deve compiere per visualizzare lo schermo generalmente verso il basso. Specialmente le donne dovrebbero tenere conto di queste piccole controindicazioni da too much digital e partire al contrattacco.

Cosa fare? Certo esagerare non va bene, anche se la paura di rimanere scommessi dalla rete è tra le fobie che vanno per la maggiore. E allora bastano piccoli accorgimenti come tenere lo smartphone a livello degli occhi, pulire più volte al giorno lo schermo, aumentare la grandezza dei caratteri e usare gli auricolari. Per quanto riguarda invece l’ossessione da smartphone, sono molti gli psicologi a sostenere che il suo utilizzo compulsivo può portare ad una vera dipendenza patologica. Notifiche di messaggi sms, mail, Facebook, Twitter che non ci abbandonano un solo istante non fanno che peggiorare la qualità della vita e i rapporti sociali. Insomma viva la tecnologia, ma senza esagerare.