Scuole musica jazz in Italia: corsi seminari

Una panoramica sulle migliori scuole di musica jazz in Italia. Cosa si studia e perchè è importante imparare ad improvvisare? Corsi e seminari per lo studio dell’armonia e della tecnica strumentale per musicisti di ogni livello

Le scuole di musica jazz in Italia oggi sono una realtà sempre più consolidata e richiesta da studenti e musicisti di ogni genere e grado. La musica jazz non è più considerata un genere secondario ma è entrata a fare parte delle materie di studio dei conservatori. Non poteva essere altrimenti, dato che si tratta del linguaggio musicale più innovativo del ventesimo secolo, un vero movimento culturale e sociale che parte in america agli inizi del ‘900 per poi evolversi con una lunga storia.

Cosa significa studiare jazz? Questo genere musicale è basato sull’improvvisazione, che non significa fare note a caso, ma sapere inventare in ogni momento note e musica sulla base di una conoscenza approfondita di tutte le regole armoniche, melodiche e ritmiche. Per improvvisare in modo estemporaneo servono una buona tecnica e solide basi di armonia e composizione, ma soprattutto molto talento e secondo recenti studi anche un gran cervello. Non a caso erano buoni improvvisatori molti grandi compositori classici, da Bach fino a Mozart ed esistono anche molti motivi extra musicali per approfondire questa materia.

Perchè studiare musica jazz?

Il jazz è un linguaggio musicale ma è anche un modo di approcciarsi alla vita. Studiare jazz non è semplice e i risultati possono arrivare solo dopo un lungo percorso fatto di passione e disciplina. E’ una materia difficile ed entusiasmante che insegna a rispettare ed ascoltare gli altri e a sfidare sè stessi. Per improvvisare, comunicando qualcosa al pubblico, servono creatività, carattere e una grande consapevolezza.

Studiare jazz fin da bambini ha riflessi molto importanti sulla mente. Recenti studi hanno scoperto che i jazzisti hanno un cervello diverso e una intelligenza superiore alla media con collegamenti neuronali sensoriali e motori molto sviluppati. Se già i bambini che suonano un qualsiasi genere e strumento hanno evidenti vantaggi nei risultati scolastici, il linguaggio del jazz a livello ritmico, melodico e armonico utilizza processi matematici complessi e allena la memoria ad un livello ancora superiore.

Improvvisare è una sfida continua che implica grande perseveranza, capacità di ragionare e di risolvere problemi. Ma suonare jazz è anche un modo per trovare nuove strade sviluppando quello che i neurologi chiamano pensiero divergente. Essere innovativi, creativi, curiosi. Credere in sè stessi e sfidare i propri limiti, ma sapere anche ascoltare gli altri per fare squadra. Inutile dire quanto queste capacità possano tornare utile nella vita di tutti i giorni, all’università e sul lavoro, qualunque esso sia.

Studiare nelle scuole di jazz

Insomma se suonare uno strumento musicale è il sogno di tutti, sapere improvvisare musica lo è ancora di più. Le scuole di musica jazz sono quindi corsi avanzati dedicati a musicisti che vogliono mettersi alla prova indipendentemente dalle loro capacità tecniche o strumentali. Perchè si può essere diplomati al conservatorio in pianoforte e composizione, leggere perfettamente uno spartito ed essere buoni concertisti, ma non sapere assolutamente improvvisare.

Non ci si inventa jazzisti e per arrivare ad un buon livello servono moltissimi anni di studio da autodidatti o nelle scuole di musica jazz che si occupano sia del piano teorico che pratico. Non ci si deve dimenticare che, prima di entrare nel gotha della musica, i segreti del jazz venivano tramandati oralmente o sul palco nelle jam session. Ogni grande jazzista impara qualcosa da chi lo ha preceduto e a sua volta aggiunge qualcosa arricchendo il linguaggio all’infinito.

Scuole e seminari in Italia

Spesso gli insegnati delle scuole di musica jazz sono i migliori jazzisti in circolazione. Corsi e seminari affiancano le attività didattiche delle scuole per approfondire il linguaggio dell’improvvisazione. Non rimane che provarci!

Civici Corsi Jazz Tra le prime scuole di musica jazz nate a Milano grazie al carisma di Franco Cerri, Enrico Intra e Maurizio Franco, che tuttora ne guidano le attività, i corsi sono articolati in due bienni, curricolare e superiore di approfondimento. Al termine dell’iter di studi è possibile svolgere un’ulteriore annualità dedicata alla didattica del jazz. L’articolazione in due bienni risponde all’esigenza di fornire una preparazione che comprenda sia le conoscenze di base intorno al linguaggio del jazz, che l’approfondimento necessario per svolgere attività professionale.

Saint Louis College of Music Sito ufficiale di una tra le più prestigiose scuole di jazz con sede a Roma che offre più di 300 diversi insegnamenti con docenti e maestri prestigiosi italiani e stranieri di indubbia provenienza

Siena Jazz L’Accademia Nazionale del Jazz organizza diverse tipologie di corsi internazionali di perfezionamento musicale insieme a seminari di perfezionamento e improvvisazione musicale. I corsi sono dedicati a musicisti e cantanti e musicalogi di musica afro-americana. La scuola organizza laboratori permanente di ricerca musicale e sul trio piano, basso e batteria.

Umbria Jazz Clinics Si tratta dell’unico seminario in Italia tenuto della scuola di musica più famosa del mondo. Si svolge nell’ambito di Umbria Jazz in estate a Perugia

Italian Jazz Institute Tutte le informazioni per partecipare ai corsi di musica jazz organizzati a Genova presso il Museo del Jazz c/o Palazzo Ducale

Berklee College of Music La più prestigiosa scuola di Boston nella quale hanno studiato e sono usciti molti tra i migliori musicisti di Jazz di fama mondiale che ha al suo interno anche la possibilità di seguire corsi online.