Scopri come scrivere e pubblicare un libro passando dagli editori tradizionali ai libri autopubblicati. Consigli per aspiranti autori per pianificare, editare, formattare e vendere libri con successo, raggiungendo il pubblico desiderato e realizzando un sogno

Scrivere un libro può essere una fonte di soddisfazione personale e professionale. Esprimere le proprie idee, condividere le proprie esperienze, raccontare una storia, trasmettere una passione: sono tutti motivi validi per mettersi alla tastiera e iniziare a scrivere. Certo non è facile per uno scrittore esordiente tovare la forza per fare il primo passo davanti al foglio bianco e soprattutto credere che qualche casa editrice sia disposta a pubblicare la nostra storia.

Scrivere un libro è quindi il sogno di molti, ma spesso si rinuncia, pensando che sia troppo difficile o costoso. In realtà, grazie alla possibilità di autopubblicare i propri libri online, oggi è più facile che mai trasformare questo sogno in realtà. Chiunque può diventare uno scrittore e raggiungere un pubblico di lettori. In questo articolo esploreremo vantaggi e sfide dell’autopubblicazione e quali strumenti e strategie si possono usare per promuovere il proprio lavoro.

Indice

Perché scrivere un libro?

In Italia si legge poco ma si stampano moltissimi libri, oltre 70 mila titoli all’anno. Molti vendono poche copie. Evidentemente in tanti si convincono di avere un talento particolare, o forse credono di diventare scrittori famosi e fare molti soldi. Certo scrivere un libro può essere anche un modo per guadagnare, sia vendendo copie fisiche o ebook, sia sfruttando i propri scritti come strumento di branding e autorità nel proprio settore.

Scrivere un libro può essere divertente e stimolante, un’occasione per imparare cose nuove e migliorare le proprie abilità di comunicazione. Ma in ogni caso è meglio che lo scrittore esordiente non parta dall’aspetto economico, anche perchè più che guadagnare, spesso spendono soldi. Salvo rari casi di best seller di successo, la scrittura di libri alimenta un vero e proprio mercato che, escludendo i grandi editori, passa direttamente da piccoli editori a pagamento che stampano copie dietro compenso.

La verità è che scrivere un libro e venderlo, non è un gioco da ragazzi. Le maggiori case editrici si occupano di revisione, grafica, stampa, distribuzione e promozione. Come scovare il talento tra migliaia di copie arrivate per posta o consigliate da amici e collaboratori e poi farlo conoscere al pubblico? Il lavoro dell’editore non è semplice, ma quello dello scrittore lo è ancora meno. Da dove cominciare e come pubblicare il proprio lavoro?

Come scrivere un libro

Scrivere un libro non è una cosa che si improvvisa. Ci vuole pianificazione, organizzazione, disciplina e creatività per evitare di lanciarsi a capofitto in una impresa destinata a fallire ancora prima di iniziare. Possiamo riassumere alcuni passi fondamentali che dovrebbe seguire uno scrittore esordiente prima di inviare il proprio manoscritto ad una casa editrice o di cercare una alternativa di autopubblicazione.

Scegliere il genere e il tema. Pensare ad un pubblico di riferimento e agli obiettivi personali, optando per un romanzo, un saggio, una guida, una biografia o altro. Il tema del libro deve essere chiaro, originale e interessante e bisogna conoscerlo in modo approfondito. Documentatevi su fonti affidabili, consultate esperti, fate interviste, leggete altri libri simili al vostro. Raccogliete tutte le informazioni utili e organizzatele in modo logico.

Creare una struttura del libro. Definite i capitoli principali, i sottocapitoli, le sezioni. Scrivete una breve sinossi di ogni parte, indicando gli argomenti principali e gli esempi da usare. Partire quindi da una prima bozza e seguendo la struttura che avete creato, iniziate a scrivere il vostro testo. Non preoccupatevi di essere perfetti al primo colpo, l’importante è mettere giù delle idee e dare forma al vostro primo libro.

Rileggere e revisionare il testo. Una volta terminata la prima bozza, rileggete il testo che avete scritto con occhio critico. Correggete eventuali errori grammaticali, ortografici o di punteggiatura. Eliminate le parti superflue o ripetitive. Migliorate lo stile e la coerenza del testo. Potete anche chiedere il parere di qualcuno di fiducia o di un professionista per avere un feedback esterno.

Formattare il testo. Dopo aver revisionato il testo, dovete formattarlo in modo da renderlo adatto alla pubblicazione. Se volete pubblicare un ebook potete usare dei programmi appositi o dei servizi online che vi aiutano a creare un file in formato e-book o PDF. Dovete anche scegliere un font, una dimensione, un margine, un’intestazione, una numerazione delle pagine, ecc. Infine dovete creare una copertina accattivante che ne riassuma il contenuto e ne attiri l’attenzione.

Presentare un libro a case editrici

Prima di inviare il manoscritto ad una casa editrice bisogna essere sicuri che almeno la forma sia impeccabile. La revisione e la formattazione accurata sono fondamentali. I tuo libro deve essere privo di errori grammaticali e di battitura. Puoi considerare l’opzione di assumere un redattore professionale per garantire la massima qualità del testo. Assicurati che la formattazione sia fatta in modo professionale, con dimensioni del carattere, spaziatura e margini coerenti.

Quando sei pronto a presentare il tuo libro alle case editrici, prepara un pacchetto completo che includa il tuo manoscritto e la proposta di pubblicazione. Questa proposta dovrebbe includere una sinossi, una presentazione dell’autore e una breve analisi di mercato. Concentrati su ciò che rende unico il tuo libro e perché dovrebbe interessare gli editori e i lettori. Mostra la tua passione e la tua dedizione per il progetto.

Fai una ricerca approfondita sulle case editrici. Identifica gli editori che pubblicano libri simili al tuo e che potrebbero essere interessate al tuo genere. Leggi attentamente le loro linee guida per le proposte di pubblicazione e seguile scrupolosamente. Personalizza ogni proposta per adattarla alle esigenze specifiche di ciascun editore. Invia il pacchetto in modo professionale, rispettando le istruzioni fornite. Sii paziente e preparato per affrontare rifiuti, ma non perdere mai la fiducia nel tuo lavoro.

Autopubblicare libri online

Alle principali case editrici arrivano migliaia di libri di nuovi autori e pochissimi passano la selezione. Poi ci sono gli editori a pagamento che chiedono un compenso per la pubblicazione. Il self publishing può essere una alternativa per uno scrittore in erba che non voglia mettersi in fila ad aspettare che arrivi il proprio turno con la dea bendata, né buttare dei soldi. Oggi il 20% tra i primi 100 titoli più venduti su Amazon sono realizzati da scrittori sconosciuti che hanno scritto e pubblicato il loro libro da soli spendendo pochissimo.

Amanda Hocking ad esempio era una scrittrice sconosciuta che dopo essersi vista rifiutare regolarmente i suoi racconti da vari editori, ha deciso di pubblicarli da sola su Amazon. Risultato? Ha speso qualche decina di euro per vendere 2 milioni di copie. Ora tutti i grandi editori la cercano. Se pensate che quella dei libri autopubblicati sia la vostra strada, una volta che avete il vostro file pronto, potete procedere alla pubblicazione attraverso alcune piattaforme online.

Kindle Direct Publishing Si tratta del servizio di autopubblicazione di Amazon, che permette di pubblicare libri in formato e-book e cartaceo. Potete scegliere il prezzo, la categoria, le parole chiave e la descrizione. Il vostro libro sarà disponibile sullo store di Amazon e potrete guadagnare una percentuale sulle vendite tra il 35% e il 70% a seconda delle opzioni scelte.

StreetLib E’ una piattaforma che permette di auto pubblicare libri in qualsiasi formato scegliendo come presentarli e a che prezzo venderli. Il vostro libro sarà distribuito su diversi store online, tra cui Amazon, Google Play, Apple Books, Kobo, ecc. Dalla vendita potrete guadagnare una percentual tra il 60% e l’80%.

Lulu Servizio di autopubblicazione online presente in ogni parte del mondo. Il vostro libro potrà essere realizzato in formato fisico o digitale e distribuito nei più importanti store online come Amazon, Barnes & Noble, Apple Books, Kobo. la percentuale destinata all’autore sulle vendite è tra il 40% e il 90%

Promuovere un libro autopubblicato

Anche se saltando gli editori tradizionali avete coronato il sogno di vedere distribuito un libro, questo non basta a garantirne il successo. Per vendere libri bisogna anche saperli promuovere in modo efficace e raggiungere il maggior numero possibile di lettori potenziali. Per fare questo, è necessario adottare delle strategie di marketing mirate e costanti, come in qualsiasi campo, dalla musica fino all’arte.

Per presentare il vostro libro, venderlo e condividere estratti, recensioni, interviste, curiosità, potreste creare un sito web o un blog. Una pagina o un profilo su Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, ecc. è utile per condividere i vostri contenuti e interagire con i fan. Potreste anche creare una lista di contatti a cui inviare periodicamente informazioni, offerte speciali, inviti a eventi. Per creare una newsletter potete usare servizi online come Mailchimp o Aweber.

Partecipare a eventi online e fiere del libro legate al vostro genere o tema può allargare la platea del vostro pubblico. A festival letterari, webinar o sui podcast potreste incontrare altri scrittori e lettori, ricevere feedback e recensioni. Ciò può consentire di collaborare con altri autori o influencer del vostro settore, creando partnership con creativi o editori che abbiano un pubblico simile al vostro e che possano promuovervi.


Articolo precedenteCase editrici italiane editori indipendenti
Articolo successivoVolontariato servizi sociali associazioni
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.