sci e scarponi

Se sciare è una passione contagiosa e uno sport in cui non si smette mai di imparare, anche tecnica e materiali sono sempre in evoluzione. Per gli appassionati che vogliono sapere le ultime novità di sci e scarponi, ecco le ultime tendenze da una grande fiera del settore

Si tratta dell’ISPO, fiera sportiva internazionale che ogni anno si svolge a Monaco di Baviera, in Germania, coinvolgendo sia grandi e piccole aziende, offrendo una visione di insieme su tutte le novità che nella prossima stagione presenteranno le marche e i produttori di sci, non solo alle prese con la crisi economica ma ultimamente anche con quella delle precipitazioni nevose.

In ogni caso, sempre sperando in inverni più consoni alla storia recente, se diamo un occhio alle ultime tendenze, le aziende produttrici di materiale per gli sport invernali si stanno concentrando sempre di più sulla leggerezza di sci e scarponi: Salomon, Atomic, Volkl, K2, Elan, Rossignol, solo per citare alcune delle maggiori marche, non solo utilizzano sempre più spesso nei loro sci materiali come carbonio e titanio per rinforzare l’anima in legno dei loro modelli mantenendo pesi piuma, ma si lanciano nell’utilizzo di nuovi materiali come fibre di lino, canapa e basalto.

Questo nuovo mix di materiali serve per garantire leggerezza ma allo stesso tempo rigidità, e quindi stabilità, allo sciatore della domenica e non solo all’atleta. Allo stesso tempo le aziende sono tutte impegnate nell’offrire un design sempre più accattivante e una gamma di sci da turismo adatti per ogni condizione di neve e pista. Race, All Mountain, Freeride e Freestyle sono le parole d’ordine che sentiremo anche nei prossimi anni.

Dando uno sguardo più particolare ai modelli di ogni azienda, Salomon ha sviluppato nuovi modelli di sci con una particolare tecnica costruttiva in composto di carbonio e lino che consentono di ridurre il peso senza sacrificare le prestazioni. Elan usa titanio e carbonio per aumentare la reattività, Atomic ha ridotto il peso dei suoi modelli di punta del 20%, Dynastars utilizza una fibra di carbonio sostituisce il legno offrendo maggiore comfort e potenza, mentre Fisher inserisce nei nuovi sci il concetto di sciancratura progressiva che rende gli sci da competizione più facilmente gestibili.

Se K2 nei suoi sci alla ricerca della leggerezza utilizza un nucleo di legno di Paulownia rinforzato con laminati metallici e inserti di carbonio per contrastare le forze torsionali, Head porta a ISPO il grafene, un materiale molto leggero e resistente di cui tutti parlano anche in ambito tecnologico, mentre Völkl, oltre ai materiali del nucleo speciali, ha studiato un sistema per fare in modo che sulla superficie degli sci si depositi meno neve congelata durante la sciata riducendo il peso supplementare del 20 – 30%. Insomma con sci e scarponi così leggeri non resta che sperare nella neve.