I progettisti di automobili hanno sempre cercato di ridurre rumori e fruscii ma ora si trovano a fare i conti con un altro problema: il rumore dell’auto elettrica. Il problema è che non c’è, bisogna invertarselo

L’auto elettrica forse rappresenta il futuro della mobilità per la gioia dell’ambiente, del nostro portafoglio e anche delle nostre orecchie. Ma se per qualcuno guidare un’auto silenziosa sarebbe il massimo, per chi non può fare a meno di sentire il rombo del motore e soprattutto per la sicurezza di pedoni e ciclisti, l’auto elettrica silenziosa potrebbe essere anche un problema.

Ecco perchè Audi ha realizzato uno studio approfondito sull’argomento in particolare per la sua nuova Supercar R8 e-tron. Un bolide da 313 cavalli che costerà oltre 100mila euro e che sarà equipaggiato con un altoparlante da 40 watt per veicolare fuori dall’abitacolo il suono che gli ingegneri tedeschi hanno composto appositamente per quest’auto.

Infatti come si vede nel video, non si tratta semplicemente di un suono di motore preregistrato da qualche auto con motore a scoppio. Per la R8 e-tron, utilizzando sintetizzatore e tracce audio campionate come in una sala di registrazione musicale quando si arrangia un brano, è stato sviluppato un sistema denominato e-sound che genera il suono in tempo reale tenendo conto diversi parametri come le velocità del veicolo e di rotazione del motore

Ogni modello di Audi R8 e-tron, a seconda degli allestimenti e in particolare della potenza del motore, sarà contraddistinto da un suono unico che gli ingegneri hanno voluto importante ma non invadente. Si è cercato insomma di a unire l’atmosfera tranquilla della tradizionale esperienza di guida elettrica con il piacere di guida e la sicurezza di viaggio, specie in ambienti urbani. Ammesso che pedoni e ciclisti non riescano a notare prima questo bolide che sfreccia nelle vie della città.