mix suoni

Stufi della solita musica pronta, solo da ascoltare? Preparatevi, stiamo entrando nell’era del Remixable dove tutti potranno confezionare il loro remix personale anche con il proprio smartphone

Nuove startup sono pronte a sformare una serie di nuovi progetti di musica interattiva dove è possibile manipolare, rimescolare tracce, copiare e incollare per ricostruire un brano da capo a coda, ovviamente anche senza sapere suonare mezzo strumento. Se vi state domandando dov’è la novità rispetto ai vecchi remix dei dj, vi siete già risposti da soli: i remix li facevano i dj, il Remixable lo farete voi.

Come? per esempio con il vostro smartphone. Per iPhone o Android sono già disponibili applicazioni come la Nina Jamm o iMashup che consentono di realizzare in modo molto semplice remix di canzoni, intervenendo sulla velocità del brano, inserendo effetti, loop e facendo dissolvenze tra due tracce.

Alle feste c’è già chi fa ballare gli amici sull’ultimo brano remix creato con il proprio iPhone collegandolo allo stereo. Un fenomeno che alla lunga si crede possa cambiare il consumo di musica, non solo per l’inebriante effetto artista capace di procurare al fantasista maree di conquiste (vedi effetto chitarra di sessantottiana memoria), ma perchè insieme alla musica si potranno mostrare video, immagini, software, testi, link creando nuove forme espressive.

MXP4 Interactive Music è un altro esempio di cosa potrebbe riservarci il futuro. Con la collaborazione di artisti e produttori, offre la possibilità all’ascoltatore di partecipare in modo attivo al processo di composizione e di mixaggio. Una suite completa di software e contenuti consente di ricombinare le diverse parti di una canzone, isolando la voce o gli strumenti, spogliando un brano di tutti i suoni fino ad ottenere addirittura i rumori dello studio di registrazione.

In questo modo una canzone può essere continuamente reinventata in tempo reale, allungata nella durata fino a diventare davvero un nuovo brano. Artisti come Pink, Britney Spears e Basement Jaxx hanno già rilasciato le versioni MXP4 dei loro successi più recenti. Le potenzialità del settore anche per l’industria sono enormi. Stanchi della solita minestra? Cucinatevi la musica da soli: gli ingredienti li trovate nel piatto.