motori ricerca immagini

Anche se le vendite online sono in aumento, c’è ancora molta diffidenza nell’affidarsi ad un monitor per i propri acquisti. Per convincere gli scettici scende in campo la tecnologia con la realtà aumentata.

Groupon e altri siti di ecommerce stanno convertendo molti consumatori allo shopping online, invogliati dai prezzi più bassi. Ma una vera rivoluzione ci sarà quando si riuscirà a fare provare al consumatore in modo virtuale la stessa esperienza di un vero negozio offrendo una esperienza di shopping coinvolgente, divertente e appagante.

Per questo si stanno studiando nuove soluzioni basate sulla augmented reality, una tecnologia altamente realistica che utilizza interazioni multi modali con il computer o altri dispositivi portatili, utilizzando sensori, telecamere e schermi sensibili al tocco degli stessi dispositivi, oppure interfacce per computer basate sui movimenti come ad esempio la Kinect di Microsoft. In pratica il cliente dal suo computer può entrare nel negozio virtuale, girare nei locali e curiosare tra gli scaffali provandosi i vestiti o gli occhiali come nel caso dell’applicazione di realtà aumentata di Ray Ban che permette di provarsi gli occhiali seduti davanti a un monitor. Ma la augmented reality serve anche a chi, camminando per la città con in tasca uno smartphone con gps, voglia trovare rapidamente un bar che venda la sua marca di birra preferita…