I presepi sono una delle tradizioni più antiche e diffuse del Natale, che coinvolgono grandi e piccini in un’atmosfera di festa e di fede. Ma come sono nati, quali sono i più belli e originali e come si può realizzare un presepe fai da te in casa?

Il Natale è una festa che richiama alla tradizione, alla famiglia e alla religione. Tra i simboli più amati di questa ricorrenza, ci sono i presepi, che rappresentano la nascita di Gesù in una grotta di Betlemme. I presepi sono delle vere e proprie opere d’arte, che si possono acquistare nei negozi già completi, ma anche realizzare con diversi materiali e tecniche, a seconda della propria fantasia e abilità.

I presepi più belli contengono raffigurazioni di statuine artigianali e paesaggi evocativi attraverso cui il Natale può diventare un’occasione per rivivere emozioni autentiche e dimenticate. In questo articolo partiremo dall’origine del presepe per poi scoprire le idee originali per creare presepi artistici e fai da te, utilizzando materiali di recupero che avete in casa o che potete reperire facilmente.

Indice

Storia del presepe

Prima di essere un buon momento per fare regali, il Natale è un rito sociale che mescola religione, tradizioni e folklore. Se l’albero è il simbolo indiscusso delle festività natalizie in tutto il mondo, il presepe è una rappresentazione popolare che evoca un fascino antico legato al sentire religioso ma anche ad un saper fare di cui l’Italia è interprete principale in una tradizione che dura da molti secoli.

La tradizione dei presepi ha origine nel XIII secolo, quando san Francesco d’Assisi, nel 1223, ottenne dal Papa il permesso di rappresentare la scena della Natività in una grotta di Greccio, in Umbria. San Francesco volle ricreare il luogo dove nacque Gesù, con una mangiatoia, un bue e un asino, e invitò i fedeli a partecipare alla messa di mezzanotte. Fu così che nacque il primo presepe vivente della storia, che ebbe un grande successo e si diffuse in tutta Italia e poi in Europa.

Nei secoli successivi, i presepi divennero sempre più elaborati e artistici, arricchendosi di figure umane e animali, di paesaggi con statuine, grotte, capanne e casette. I materiali usati per la loro realizzazione erano i più vari: legno, terracotta, cera, carta pesta, stoffa, sughero, ecc. Ogni regione e ogni paese aveva il suo stile e le sue caratteristiche. Tra il ‘700 e l’800 diventarono anche oggetto di collezionismo e di mecenatismo da parte di nobili e sovrani, che li commissionavano a famosi artisti.

Oggi la tradizione dei presepi è presente in tutto il mondo dalla Cina fino all’America latina, dove ci sono Cristiani che festeggiano il Natale. Le popolazioni si sbizzariscono costruendo in modo artigianale statue e ambientazioni davvero particolari. Per tradizione i credenti costruiscono nelle case un presepe aggiungendo il Bambin Gesù alla vigilia di Natale e mantenendolo fino al 6 gennaio.

Presepi più belli d’Italia

I migliori presepi italiani sono frutto di un artigianato di qualità che ogni anno porta migliaia di appassionati a visitarli in ogni angolo del paese. Tra personaggi viventi, di ghiaccio, legno o terracotta, ce ne sono in versioni galleggianti e sommersi lungo tutto lo stivale. In Italia esiste anche l’Associazione Italiana Amici del Presepio (AIAP) che offre varie informazioni per gli appassionati che corrono a vederli da ogni parte del mondo. Ecco la lista dei più famosi.

Presepe di sabbia di Jesolo (Venezia). Ogni anno, dal 1998, nella città balneare di Jesolo si realizza un enorme presepe di sabbia, scolpito da artisti internazionali con oltre 15 mila tonnellate di sabbia. Ha un tema diverso ogni anno, ispirato alla Bibbia o alla storia, ed è visitabile gratuitamente fino a febbraio.

Presepe vivente di Matera. La città dei Sassi, patrimonio dell’Unesco, si trasforma in un suggestivo scenario per il presepe vivente più grande d’Italia. Oltre 800 figuranti in costume animano le grotte e le strade della città antica, ricostruendo la vita quotidiana al tempo di Gesù. La rappresentazione si svolge ogni anno dal 24 dicembre al 6 gennaio.

Presepe di Manarola (La Spezia). Nel borgo marinaro di Manarola, nel Parco Nazionale delle Cinque Terre, si trova il presepe più grande del mondo, realizzato dal 1961 da Mario Andreoli, un ex ferroviere appassionato di presepi. E’ composto da oltre 250 sagome luminose, fatte con materiali di recupero e alimentate da pannelli solari, che si accendono ogni sera dal 8 dicembre al 31 gennaio.

Presepe subacqueo di San Fruttuoso (Genova). Nel fondale marino della baia di San Fruttuoso, a pochi metri dalla famosa statua del Cristo degli Abissi, si trova un originale presepe subacqueo, composto da statue in ceramica alte circa due metri. Realizzato nel 1976 da un gruppo di subacquei, può essere ammirato da chi pratica immersioni o da chi preferisce osservarlo da una barca con il fondo trasparente.

Presepi famosi nel mondo

I presepi non sono solo una tradizione italiana, ma si possono trovare in molti paesi del mondo, con stili e materiali diversi. Alcuni sono veri e propri capolavori d’arte, altri sono curiosi e insoliti, come il presepe più famoso al mondo di Prorbost. Scolpito nel legno più di un secolo fa, è costituito da oltre 2000 pezzi di legno intarsiato a mano, occupa una spazio di quasi 7 metri con una profondità di oltre 2 metri e pesa oltre una tonnellata.

Questo modellino teatrale è stato realizzato da un falegname in 40 anni di lavoro a cominciare dal 1885. Oltre alla scena della natività, questo che qualcuno pensa sia tra i presepi più belli del mondo, comprende chiese e cattedrali centinaia di personaggi ed animali semoventi grazie ad ingranaggi realizzati sempre in legno. Per questo motivo l’intero presepio è stato recentemente completamente restaurato rispettando materiali, colle e vernici utilizzate in passato.

Il presepe meccanico di Crèvecœur-en-Auge (Francia). In Normandia, nel villaggio medievale di Crèvecœur-en-Auge, si può visitare un sorprendente presepe meccanico, che riproduce in miniatura la vita rurale del XVIII secolo. Il presepe è composto da oltre 40 scene animate da 400 personaggi in movimento, che svolgono le attività tipiche dell’epoca, come la mietitura, la filatura, la panificazione e la lavorazione del sidro.

Costruire un presepe fai da te

Se volete creare un presepe fai da te in casa, ci sono tanti modi per farlo, usando materiali semplici e di recupero, come carta, cartone, legno, sughero, stoffa, lana, pasta, mais, semi, frutta secca e altro ancora. L’importante è lasciare spazio alla fantasia e alla creatività, coinvolgendo anche i bambini in questa attività divertente e educativa. Ecco alcuni passaggi e consigli.

Scegliere il materiale con cui volete costruire il vostro presepe fai date. Potete optare per il classico legno, che dà un aspetto rustico e naturale al vostro lavoro, oppure per il cartone, che è più economico e facile da tagliare e incollare. Se volete osare di più, potete usare materiali insoliti come pasta, pane, carta, feltro, lana, sughero, pigne, conchiglie, tappi di bottiglia, bottoni, mollette, candele, fiammiferi e tutto quello che vi viene in mente.

Per costruire la struttura del presepe, cioè la base su cui poggeranno le figure e gli elementi decorativi, potete usare una scatola di scarpe, una teglia da forno, un vassoio, un piatto o qualsiasi altro contenitore che abbia una superficie piana e abbastanza ampia. Se usate il legno o il cartone, potete tagliare dei pezzi della forma e delle dimensioni che preferite e incollarli tra loro per creare una scena tridimensionale. Se usate altri materiali, potete modellarli con le mani o con degli attrezzi appositi per ottenere la forma desiderata.

Per creare il paesaggio e le casette del presepe potete usare materiali naturali o artificiali per le colline, le montagne, il cielo, il fiume, il lago, la vegetazione e gli altri elementi. Potete usare carta stagnola, carta crespa, cartoncino colorato, terra, sabbia, muschio, pietre, sassi, rametti, foglie secche, gusci di noci e altro ancora. Potete aggiungere degli elementi come alberi, fiori, erba, rocce, sabbia, neve, acqua, stelle, luci e tutto quello che vi ispira. Incollate i materiali con la colla vinilica o con lo scotch.

Le statuine del presepe possono essere acquistate o fatte in casa. Potete usare pasta di sale, pasta di mais, pasta modellabile, plastilina, feltro, lana o altri materiali. Potete creare la Sacra Famiglia, i Re Magi, i pastori, gli angeli e gli animali. Per le dimensioni delle statuine tenete conto delle proporzioni con il paesaggio e le casette. Per le decorazioni finali potete dipingere il fondo e gli elementi con colori acrilici o a tempera, scegliendo tonalità che richiamino il paesaggio naturale o urbano che volete rappresentare.

Posizionate le statuine seguendo la tradizione o la vostra fantasia. Potete mettere la capanna con la Sacra Famiglia al centro o in un angolo. Potete mettere i Re Magi in cammino verso la capanna o già arrivati, i pastori vicino al fuoco o in giro per il paesaggio, gli angeli in alto o in basso e gli animali dove volete. Aggiungete luci ed effetti sonori per rendere il presepe più suggestivo e magico. Usate delle lucine a led da inserire nelle casette, delle candele o una lampadina per illuminare la capanna.


Articolo precedenteNeve in Italia: bollettino e previsioni
Articolo successivoShopping online siti migliori per acquisti
Autore: Redazione
Da due decenni esploriamo idee che dalla musica coinvolgono cultura, società e lifestyle. Scrivendo di passioni, tecnologia, mercato, economia e benessere, trattiamo alcuni temi anche per stimolare riflessioni che promuovano uno stile di vita più armonioso e consapevole. Le nostre pubblicazioni hanno raggiunto milioni di lettori.