Simbolo pacifismo tenuto da due giovani

Significato ed evoluzione del pacifismo in Italia: associazioni, movimenti e centri studi per la pace. Una bandiera contro le guerre condivisa da ogni credo politico per la difesa dei diritti umani e la solidarietà in tutto il mondo

Il pacifismo è un simbolo di lotta che ritorna prepotentemente alla ribalta ogni volta che ci sono conflitti che mettono in discussione la libertà dei popoli. Credere nell’ingiustizia delle guerre e desiderare la pace tra i popoli dovrebbe essere una consapevolezza universale e non certo prerogativa di una determinata parte politica.

Parlare di pacifismo in una società sempre più complessa significa sperare in un mondo migliore dove ci siano più opportunità per tutti. La pace è un simbolo universale e un valore da preservare, difendere e diffondere a partire dai bambini. Anche oggi è sinonimo di sviluppo sociale, culturale ed economico, messo sempre più in discussione dalle crescenti disparità tra ricchi e poveri, una delle cause più grandi di conflitti. Rimane l’appello a non dimenticare le vittime della guerra e a fare qualcosa di concreto.

Oltre alle associazioni pacifiste che si battono per i diritti civili, c’è chi approfondisce il fenomeno con studi e ricerche sui conflitti armati presenti nel mondo alla ricerca di soluzioni e soprattutto per cercare di capire le cause che li muovono.

Quando nasce il pacifismo

Il simbolo della pace, un cerchio con disegnate una linea verticale che parte dall’alto e si divide in centro in due linee oblique, è nato nel 1958 in Gran Bretagna. E’ stato creato da Gerald Holtom, obiettore di coscienza della seconda guerra mondiale, e poi attivista della Cnd (Campaign for nuclear Disarmement), una delle prime organizzazioni pacifiste che organizzava manifestazioni contro le guerre e per i diritti civili.

Alla base del pacifismo c’è la convinzione che le differenze tra persone e popoli possano risolversi senza conflitti. Un pensiero antico che veniva declamato già anticamente in India e Cina da religioni come buddismo e taoismo e poi ripreso dalla filosofia basata sulla non violenza di Gandhi. Anche in Europa, già nei primi dell’800, alla fine delle guerre napoleoniche, esistevano gruppi pacifisti che si inspiravano alla biblica ‘porgi l’altra guancia’. Nei primi del ‘900 pace e giustizia sociale furono concetti portati avanti da socialisti e movimenti femministi.

Il significato di pacifismo segue sempre l’evoluzione della storia moderna. Cambiò ancora durante la prima guerra mondiale dove diventò obiezione di coscienza per convinzioni religiose che potevano portare ad accuse di diserzione. Il più famoso obiettore e pacifista della prima guerra fu il filosofo Bertrand Russel. Poi la corsa al nucleare fu l’occasione per manifestare contro l’uso delle violenza e il riconoscimento dei diritti. Più tardi negli anni ’60 sotto questo simbolo le bandiere pacifiste sventolavano nei cortei antimilitaristi contro la guerra del Vietnam in America e Europa.

Associazioni pacifismo in Italia

Il tema del pacifismo purtroppo ha sempre nuovi spunti con battaglie portate avanti da associazioni che si rivolgono ad insegnanti, studenti, enti locali interessati al tema della fraternità e dialogo. I siti che seguono offrono notizie su conferenze nazionali, articoli informativi, manifestazioni e progetti per l’educazione alla pace.

PeaceLink Una redazione virtuale di volontari che producono articoli, dossier e libri, sulle tematiche sulla pace e sui diritti civili. Offre una alternativa ai messaggi proposti dai grandi gruppi editoriali e diffonde appelli su tutto il territorio

Studiperlapace Centro di ricerca e di studi indipendente impegnato a diffondere conoscenze documentate sui conflitti e sui diritti umani; un contributo effettivo alla diffusione dei valori di pace e tolleranza e comprensione tra i popoli

Assopace Associazione per la pace, promuove progetti e iniziative per il superare ogni forma di esclusione e discriminazione di razza, sesso, opinioni politiche, credo religioso, appartenenza ad gruppo etnico, sociale o culturale

Perlapace Coordinamento di associazioni, organismi laici e religiosi di tutte le regioni italiane per la conoscenza, lo scambio di informazioni e lo sviluppo della collaborazione tra chi lavora per la pace e la solidarietà

Cittàperlapace Comuni, province e regioni italiane impegnate a promuovere la pace, i diritti umani, la solidarietà e la cooperazione internazionale si ritrovano nell’associazione di Coordinamento Nazionale per la pace e i diritti umani.