dna

Si chiama MusicDNA ed è un nuovo formato per i file musicali, presentato all’ultima fiera della musica del Midem e che sarà lanciato in versione beta in primavera. Nell’intenzione dell’inventore dovrebbe sostituire l’mp3 perchè il MusicDNA può implementare le informazioni musicali con altri contenuti che possono venire aggiornati in modo automatico.

MusicDNA è stato sviluppato dalla società del norvegese Dagfinn Bach che fece parte del team che 20 anni fa sviluppò l’attuale standard mp3 all’Istituto Fraunhofer. Nell’impresa figura anche il ricercatore tedesco Karlheinz Brandenburg, considerato il vero inventore del formato mp3. Non a caso il nuovo formato è pienamente compatibile con i lettori mp3 tradizionali. Music DNA non offre nessun miglioramento in termini di qualità del suono, la sua vera caratteristica principale è potere contenere fino a 32 GB di informazioni aggiuntive alla musica. Questo significa che un utente, mentre ascolta un brano, potrà disporre anche di molte altre informazioni della canzone o dell’artista, come fotografie, copertine, testi ecc..

Non solo: poichè questi “metadati” possono essere aggiornati automaticamente ogni volta che un utente si connette a internet, le case discografiche che utilizzeranno il nuovo standard avranno anche la possibilità di fornire contenuti personalizzabili sui loro artisti (nuove uscite, tour, video e feeds), ovvero di instaurare un filo di comunicazione con chi ha scaricato i file.

Per adesso stanno provando il MusicDNA solo poche etichette indipendenti e piccoli distributori digitali come lo scandinavo InProdicon, mentre le major non hanno dimostrato tutto questo interesse. In realtà il nuovo formato non affronta di petto il problema pirateria: le canzoni potrebbero venire scambiate ancora con il file sharing, (sono drm-free), ma le copie pirata non avrebbero accesso agli aggiornamenti e a tutte le informazioni collegate.

Vedremo se l’idea prenderà piede o se verrà accantonata come già successo tante volte in passato, ad esempio con l’Mp3Pro, formato che prometteva un suono migliore e che nessuno ha mai usato. Il MusicDNA potrebbe essere comunque una alternativa al formato Apple Lp, il nuovo formato scaricabile su iTunes che consente di associare informazioni ad un file ma in modo statico, senza possibilità di aggiornamenti.