“Musica politica: dal canto sociale all’inno di partito” di Girolamo Rossi è un’opera che attraversa le intricate relazioni tra musica e cultura sociale, offrendo una prospettiva illuminante sul suo potere

Il libro “Musica politica: dal canto sociale all’inno di partito” di Girolamo Rossi si inserisce in un panorama storico e concettuale complesso, esplorando il legame intricato tra la musica e la politica nel corso dell’Ottocento e del Novecento. Attraverso una vasta gamma di esempi musicali e riflessioni teoriche, l’autore delinea un quadro dettagliato di come la musica abbia agito come strumento di espressione politica e sociale.

Una delle questioni chiave affrontate nel libro riguarda il ruolo stesso della musica in ambito politico. La musica deve servire principalmente come espressione estetica o se dev’essere impiegata come mezzo per promuovere obiettivi politici specifici? Questo dibattito porta a riflettere sulle diverse forme di canzone, dalle canti popolari alle canzoni anarchiche fino alle marce militari, e su come queste forme possano essere influenzate dalle ideologie e dagli interessi dei vari attori politici.

Un’altra tematica importante è il ruolo delle avanguardie musicali e il loro rapporto con il potere politico. Le innovazioni musicali possono essere gestite dai regimi totalitari, influenzando la produzione artistica e la libertà creativa degli artisti. Il libro analizza anche il ruolo dei partiti politici nell’organizzare e promuovere determinati artisti come mezzo di propaganda per portare avanti le proprie ideologie e consolidare il proprio potere.

Un tema ricorrente è anche il rapporto tra musica popolare e cultura di massa che riflette il passaggio da una lotta di classe a strutture di partito più complesse e articolate. Si discute di come la musica abbia superando i confini dell’identità personalecercato di adattarsi ai cambiamenti culturali e sociali, e di come sia stata influenzata dalla diffusione dei mezzi di comunicazione di massa.

Infine, il libro affronta le critiche e le polemiche che hanno circondato la musica politica, sia da parte dei politici che degli intellettuali. Si esplora come le diverse visioni abbiano generato controversie e dibattiti che ancora oggi mantengono la loro rilevanza. La musica continua ad essere un mezzo espressivo potente che può influenzare e essere influenzato dal contesto politico e sociale in cui si sviluppa.


IN LIBRERIA

Titolo: Musica politica. dal canto sociale agli inni di partito
Autore: Girolamo Rossi
Editore: Castelvecchio


Articolo precedenteBitches Brew: genesi del capolavoro di Miles
Articolo successivoSanremo come racconto di una nazione
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.