bambine per la pace

Un modo “diverso” di dire no alla guerra, un messaggio concreto che il musicista colombiano Cesare Lopez esprime con tutta la sua creatività.

L’idea è quella di trasformare armi in strumenti musicali perfettamente utilizzabili tirando semplicemente alcune corde tra la canna di una pistola e la sua impugnatura o canne di fucile come manici di chitarra. Un’idea coinvolgente visto che nel giro di breve tempo, i militanti sono diventati un centinaio. «Siamo convinti che sia importante far passare l’idea che il fucile possa trasformarsi in chitarra» spiega Cesar, «e siamo sicuri che la violenza odia l’amore perchè l’amore è più forte. La violenza odia la mia voce perchè la mia voce va oltre la morte».

Una sensibilità e un talento, al servizio del suo Paese dove la violenza è all’ordine del giorno, ma i fatti parlano da sé: Cesare Lopez con in mano il diploma del più prestigioso conservatorio colombiano, ha preferito ai palchi del teatro, il pubblico del popolo, quello della strada, dove si esibisce con i suoi insoliti strumenti di pace creando una musica a detta dei critici, tutt’altro che repellente, anzi. Nel prossimo futuro c’è anche la volontà di coinvolgere nel progetto di pace musicisti internazionali di primo piano, come Carlos Santana e Shakira, insieme a leader religiosi.