cure mediche

Ascoltare la propria musica preferita fa stare bene: l’affermazione, che poteva sembrare un luogo comune, da oggi è una scoperta con basi scientifiche. Ricercatori americani della University of Maryland Medical Center di Baltimora, hanno verificato sperimentalmente che ascoltando buona musica si verifica una dilatazione dei vasi sanguigni con benefici anche per il cuore.

Non fumare, fare sport, ridere e nei casi più gravi assumere medicinali come le statine: sono tutti comportamenti che consentono di ridurre il rischio di incorrere in infarti o ictus e di rallentare l’arterosclerosi poichè contribuiscono a non fare ostruire i vasi sanguigni. A queste attività, secondo il dottor Michael Miller, esperto di cardiologia preventiva, si dovrebbe aggiungere l’ascoltare musica. Infatti ascoltando musica il diametro dei vasi sanguigni migliora, e anche di molto. A queste conclusioni, presentate all’American Heart Association di New Orleans, si è arrivati tramite un esperimento che ha coinvolto 10 uomini e donne non fumatori in buona forma fisica, prima sottoposti alla loro musica preferita per mezz’ora, poi per un altra mezz’ora a musica che consideravano fastidiosa.

Monitorando i vasi sanguigni dei pazienti con gli ultrasuoni, si è scoperto che con la musica preferita il diametro dei vasi sanguigni aumentava del 26%, mentre si restringeva di un 6% con una musica non desiderata. Insomma una semplice strategia giornaliera che può far vivere meglio e forse di più. A proposito, sapete quali sono i generi considerati salutari e dannosi..? Il country e l’heavy metal: scegliete voi in quale gruppo metterli…