ragazza che soffre di insonnia

Si perdono i capelli a pensare a una giornata tipo di musica in televisione. A spettacoli come ‘Sarabanda’ dove concorrenti più o meno improbabili alla ‘Uomo Gatto’ imbroccano ritornelli di canzoni, fanno da contraltare reality show alla ‘Saranno Famosi’.

Il resto sono tv musicali che è vero, trasmettono musica tutto il giorno, ma a pensarci bene i videoclip non sono altro che spot pubblicitari di 3′ 30″ (la durata della canzone) fatti per promuovere gli artisti. Beh, certo, si tratta pur sempre di tv commerciali.. qualcosa di buono ogni tanto si ascolta.. quando sono lesso mi metto lì, solo per scanalare un pò. Ok. Allora fammi vedere un pò sulla Rai cosa c’è.. Rai1.. Rai2.. Rai3.. niente. Ah no, forse ecco.. ho trovato.. una replica.. Umbria Jazz.. del 1998 – Rai3, ore 2.30 di notte.

..e finalmente trovo un programma tutto nuovo. Parla di musica. Ma non del flautino delle elementari e nemmeno solo di musica classica, di jazz, pop o rock. C’è dentro un pò di tutto. Ci sono le note, il ritmo, l’armonia, la storia, la società, le sensibilità. C’è dentro l’uomo. E poi è bello perchè ti insegnano ad andare un pò più in profondità, a non accontentarti. Ti fanno ascoltare un Do maggiore e poi ci aggiungono delle notine. E tu scopri che anche i suoni sono colorati. E più colori scopri, più ti applaudono. Ti insegnano che la musica è una passione da coltivare e da affrontare magari anche con serietà. E tu, spenta la tv, solo davanti al tuo strumento ti senti davvero meno solo. E soprattutto unico.