museo per bambini junibacken

E’ un museo per bambini magico quello della casa delle fiabe di Junibacken sull’isola di Djurgården a Stoccolma. Il gioco è protagonista insieme a tanti personaggi e situazioni ricreate a misura di bambino per chi ama le storie di Pippi Calzelunghe e le fiabe del nord

C’è qualcuno che pensa al museo come luogo noioso? Sicuramente non aveva ancora visitato il museo per bambini magico Junibacken dove personaggi delle fiabe e ambientazioni ricche di particolari regalano ai bambini di ogni età una giornata da sogno che si trasforma in realtà. Dalle storie di Astrid Lindgren, l’autrice di Pippi Calzelunghe, a quelle di Petterson e Giampi, Mulle Meck e molti altri poco conosciuti in Italia (fanno parte della letteratura nordica) ma allo stesso modo divertenti, da scoprire e toccare con mano, senza divieti.

Questo museo per bambini magico nasce nel 1996 come casa dedicata alla cultura per bambini in cui la letteratura e il teatro sono i protagonisti. Si apre con un parco giochi in perfetto stile nordico, curato nei dettagli con scivoli, giostre, casette anche a misura di genitore (agevola l’assistenza ai più piccoli), seguito da un simpatico trenino ‘volante’ per viaggiare nel regno delle favole immerso in un museo magico. Sembra proprio essere il Treno delle favole la principale attrazione di questo parco divertimenti, in un percorso che propone gli ambienti conosciuti tramite le illustrazioni dei libri, mentre una voce narrante racconta una favola (ognuno decide la lingua che preferisce tra le 12 a disposizione).

Al termine della corsa sul vagone della fantasia insieme a mamma e papà ecco apparire la casa di Pippi a dimensione naturale: villa Villacolle con la scimmietta Mr. Nilson e il cavallo a pois Zietto ricostruito nei minimi particolari su cui è facile salire. Una vera sorpresa riprodotta in modo magistrale secondo le indicazioni della scrittrice: la cucina in cui preparare biscotti e altre specialità, la stanza da letto con abiti da provare tra super scarpe e le calzelunghe colorate mentre si può cercare il baule del tesoro e infilarsi nel letto di Pippi. Inutile dire che il disordine regna sovrano, le regole sembrano essere dimenticate..

La zona dedicata al disegno è d’obbligo insieme agli spettacoli di teatro che si svolgono durante la giornata ad orari prestabiliti (in lingua danese). Sono previste letture ad alta voce e momenti musicali in cui si canta e si improvvisa insieme: un modo per coinvolgere i bambini in una nuova esperienza con personale competente. Gli appuntamenti del museo magico sono da verificare, hanno scadenza stagionale e sono da verificare direttamente sul sito ufficiale.

L’area dedicata alla ristorazione non manca, questa volta realizzata in stile circense con specialità fresche casalinghe tipiche nordiche e menù per bambini curati. Anche il book shop è da tenere in considerazione con pubblicazioni e gadget di ogni tipo, dai film agli animali di peluche come ricordo di una giornata all’insegna del divertimento. Il consiglio è di raggiungere il museo magico Junibacken con il traghetto per godere della vista dall’acqua della città e di evitare i fine settimana per evitare di restare in coda e di perdere così tutto il gusto di un viaggio nel regno della fiaba nordica.