Si chiamava Mulgrew Miller il pianista americano e direttore d’orchestra di colore nato a Greenwood, nel Mississippi, scomparso nel 2013 a 57 anni d’età

A partire dalla musica delle sue origini e dal gospel portava avanti un linguaggio pianistico vicino a Oscar Peterson e più tardi a McCoy Tyner. Mulgrew Miller che ha iniziato a studiare pianoforte dai 6 anni di età, inizia la sua carriera a metà degli anni ’70 ha registrando oltre 400 dischi con i più importanti jazzisti americani a cominciare dalla cantante Betty Carter (1980), il trombettista Woody Shaw (1981-1983) oltre ad essere stato membro del Jazz Messengers di Art Blakey (1983-1986).

Successivamente ha collaborato con il batterista Tony Williams e registrato album insieme a Kenny Garrett, Freddie Hubbard, Joe Lovano e decine di altri artisti. Nel 2006, Mulgrew Miller ha ottenuto la laurea honoris causa in arti al Lafayette College, mentre nel 2006 è diventato direttore di studi jazz alla William Paterson University a Greenwood, nel Mississippi dedicandosi anche con entusiasmo all’insegnamento e a formare nuove generazioni di musicisti come il giovane batterista Karriem Riggins e il bassista Derrick Hodge, che suonavano con lui in trio.