lettori mp3 e formati audio

Si parla tanto di musica online e di cataloghi da milioni di brani… ma agli mp3 di musica classica non pensa nessuno? Non si tratta di quattro gatti che navigano nel web in cerca di Beethoven, ma di moltissimi appassionati che se provano a cercare Beethoven su iTunes, rischiano di trovare un remix dance o una ‘Per Elisa’ suonata da chissà chi. Ora arriva Classical Archives a mettere un pò d’ordine.

Parlando in generale, iTunes e i grandi store online pensano ai grandi numeri e sparano nel mucchio. Di questi tempi però anche le cosiddette “nicchie” possono rappresentare una risorsa. La musica classica è uno di quei segmenti di mercato fino ad ora poco considerati dalla rivoluzione digitale, un pò perchè ascoltare un concerto d’archi in formato mp3 può risultare non proprio soddisfacente.

D’altronde non ci sono dubbi che il pubblico della musica classica sia più attento alla qualità dell’ascolto e dell’esecuzione e sicuramente suona meglio un cd di un mp3, tanto che proprio per questo genere sono stati sperimentati nuovi formati ancora più sofisticati con campionamenti a 192 kHz 32-bit e una definizione del suono superiore a quella utilizzata nei cd audio. Vero anche che il musicofilo generalmente ama possedere la discografia dei suoi compositori preferiti.

Secondo l’imprenditore Pierre Schwob, invece il vero problema starebbe nella mancanza di servizi online dedicati al pubblico della classica, una nicchia che comunque rappresenta il 20% del mercato della musica. Ecco perchè ha deciso di investire 4 milioni di dollari per lanciare un nuovo sito chiamato Classical Archives, un negozio online da cui scaricare e acquistare musica classica, ma anche un servizio per avere informazioni su compositori, storia della musica, ecc. e che debutterà ufficialmente il 19 maggio.

Su Classical Archive sarà possibile acquistare singoli brani, movimenti di concerti, oppure opere intere, ma anche acquistare tutta la musica classica che si desidera con un abbonamento mensile al costo di 9,95 dollari. Il vantaggio è poter disporre di un enorme archivio con più di 620.000 tracce in cui scegliere esecuzioni suonate da più di 27.000 musicisti del repertorio di oltre 7800 compositori, catalogate per data di registrazione, etichette, generi, periodi, strumenti e pubblicate da oltre 100 diverse case discografiche di tutto il mondo.