filo spinato

Mozart può aiutare a rendere più sicure anche le nostre città. Un test realizzato qualche tempo fa nella città di Christchurch, in Nuova Zelanda lo ha dimostrato: bastano degli altoparlanti che diffondono la musica di Mozart per fare diminuire drasticamente i reati.

Altro che fare diventare più intelligenti i bambini, fare crescere più rigogliose le piante, o aumentare la produzione di latte delle mucche… Nel 2009 la musica di Mozart diffusa nell’isola pedonale della seconda città più grande della Nuova Zelanda ha fatto calare il numero risse, tafferugli da 77 a 2 per lo stesso periodo considerato, da 16 a zero gli incidenti connessi a droga e alcool e da 35 a zero le chiamate alla polizia dei negozianti per molestie e microcriminalità. La stessa polizia ha verificato che la musica classica diffusa durante il giorno aveva trasformato l’area e creato un ambiente molto più tranquillo.

In realtà gli studiosi sono concordi nell’affermare che non solo la musica di Mozart, ma tutta la musica classica ha il potere di ridurre i comportamenti anti-sociali e la microcriminalità, fosse solo che diffonderla nelle strade fa apparire il territorio presidiato e non abbandonato a se stesso. In particolare Mozart, più di altri compositori, ha il potere di regolare le disarmonie energetiche aiutando a ritrovare l’equilibrio delle persone. Qualcuno lo dica anche ai neo eletti sindaci che magari tanto si sono spesi in campagna elettorale sul tema della sicurezza: certo non sarebbe male se oltre alle parole inserissero un pò di Mozart tra i programmi per migliorare le nostre città.