Si intitola Body and Soul il film documentario su Michel Petrucciani, pianista e compositore jazz di origine francese di cui tanti appassionati ricordano e celebrano la nascita in questi giorni.

Nato il 28 dicembre del 1962 e scomparso il 6 gennaio 1999, Michel Petrucciani era affetto da una malattia chiamata osteogenesi imperfetta che ne condizionò lo sviluppo fisico fin da bambino. Alto poco più di un metro, con la sua musica energica e solare è riuscito ad emozionare il mondo trasformandosi sul palco in un vero gigante del jazz. Nipote di Tony Petrucciani, un rinomato chitarrista jazz, Michel iniziò a fare musica da bambino suonando batteria e pianoforte e studiando musica classica e poi jazz. Un percorso di formazione che emerge dalla sua sensibilità di musicista, dalla tecnica e dal suo modo personale di suonare nei concerti e nei tanti dischi realizzati a suo nome e in compagnia di prestigiosi musicisti come Lee Konitz, a Charles Lloyd fino a Dizzy Gillespie, Jim Hall, Wayne Shorter, Palle Daniellson, Eliot Zigmund, Eddie Gomez e Steve Gadd.

Il tocco di Michel Petrucciani sul pianoforte d’altronde è davvero magico, la sua leggerezza e intensità espressiva è pura gioia di vivere, tanto da farne agli occhi del suo numerosissimo pubblico non solo un grande musicista, ma sicuramente un vero uomo. Uscito nei cinema nel 2011, il film Body and soul di Michael Radford ora disponibile in dvd è un bel modo per scoprire la musica e la vita di uno dei personaggi più incredibili e carismatici della storia della musica jazz.