mercato dei libri

Continua l’avanzata del digitale nel mercato dei libri, un settore ancora in perdita. Sono gli ebook e i libri per ragazzi a trainare le vendite ma con cifre molto lontane da quelle registrate in Usa dove i libri digitali superano quelli in versione cartacea.

Nel settore dell’editoria si intravede qualche miglioramento ma siamo ancora distanti dal pareggio di bilancio. Il mercato dei libri in Italia non riesce a riprendersi, e mentre i dati parlano di trasformazione, si assiste ad un aumento del fatturato relativo ai titoli di ebook presenti sul mercato, così come funziona meglio l’editoria per ragazzi e crescono i titoli italiani esportati all’estero.

Tutto questo non basta a risollevare le sorti dell’editoria che punta sul digitale come canale alternativo: crescono i titoli di ebook disponibili e in futuro si prevede l’aumento e il superamento del cartaceo, specialmente per la versione dei libri scolastici. Certo la strada che porta al digitale non è semplice, deve poter contare su personale qualificato nel settore che sappia creare e diffondere il prodotto, disporre di attrezzature adeguate per le librerie e i punti vendita capaci di caricare direttamente sul proprio dispositivo il testo digitale scelto dal cliente, che per altro preferisce l’acquisto nelle librerie online.

Accanto a Amazon e Kindle che dominano il mercato globale degli ebook, si inseriscono nuovi lettori digitali studiati su misura, fin nei minimi particolari per soddisfare i lettori che faticano ad abbandonare il libro di carta: Kobo è l’alternativa che viene spinta sul mercato del digitale in Italia che assicura una serie di servizi e di aiuti per i meno esperti in tecnologia che amano leggere su un supporto di qualità. Altro sono le possibilità dei servizi e i molti vantaggi che un semplice dispositivo può fornire.

Come dire che il settore è in continua evoluzione anche se in Italia è difficile orientarsi per la scelta di un libro: si continuano a stampare troppi libri e molti di dubbio valore.