fiere moda

Si è concluso ieri alla Fiera di Faenza il Mei, Meeting delle Etichette Indipendenti giunto alla sua decima edizione, al quale abbiamo partecipato in veste di osservatori, ammirati da tanta grazia: oltre 300 espositori, 250 concerti e show case di artisti, piu’ di 250 videoclip in concorso, piu’ di 60 festival, più di 50 discografici stranieri, 30 incontri letterari, 20 convegni, 10 concorsi dal Punk al Folk e moltissimo ospiti dal mondo della musica, del cinema e della letteratura.

Davvero una grande manifestazione che ha messo a dura prova la nostra tempra fisica. Certo non ci è stato possibile seguire tutti gli eventi che comprendevano anche le premiazioni per il Pimi, Premio Italiano per la Musica Indipendente e del Pivi, Premio Italiano per il Videoclip Indipendente al quale hanno partecipato oltre 60 festival e produttori stranieri e che sono culminati in un work-shop aperto al pubblico.

Non capita tutti i giorni di potere ascoltare un convegno sui “100 anni di Casadei” e subito dopo un incontro con il Sottosegretario ai beni culturali sulla “Legge per la musica in Italia”; passare da discussioni sul “Successo della musica negli spot”, alla presentazione di una collana di cd sulla storia della radio dell’Audioteca Rai; essere alla presentazione del libro “Dizionario della canzone italiana” e via di corsa all’incontro patrocinato dal Sole 24 ore sui “Nuovi modelli di distribuzione musicale”.

Ma queste erano solo alcune delle possilità offerte dal Mei. Poi c’erano i concerti live sia in Fiera che al Teatro Masini, all’insegna di un ottima varietà di generi ed artisti con Gianna Nannini, Gianluigi Trovesi e Stefano Bollani, Quintorigo, Piotta & Hip-Hop Mei, Steve Rogers Band, Andrea Mingardi, Way Out Ska Reggae Fest, Assalti Frontali, Gegè Telesforo, Bugo & Violante Placido, Tetes de Bois, Riccardo Sinigallia e molti altri.

Grazie ad una iniziativa organizzata da Eko Music Italy, i visitatori dotati di chiavetta usb (ovviamente erano stati avvertiti preventivamente), hanno potuto scaricarsi i file audio delle esibizioni live, subito dopo la fine dei concerti, al costo simbolico di 1 euro.

Tra gli organizzatori e promotori della manifestazione, AudioCoop, Coordinamento tra le Etichette Discografiche Indipendenti in Italia, che si propone di far conoscere la realtà delle etichette indipendenti in Italia alle Istituzioni, agli Organismi che operano nel settore culturale e musicale e ai mass media. Convinti come noi della valenza che, anche la più piccola realtà musicale, può avere da un punto di vista occupazionale, culturale, artistico e sociale.